ChatSim diventa azienda: la carta sim per usare le app di messaggistica senza wi-fi vale già 4 milioni di euro
A
La messaggistica istantanea, per di più gratuita, è un fenomeno in crescita esponenziale. WhatsApp, WeChat, Facebook Messenger e Viber registrano più di 100 milioni di nuovi utenti attivi al mese e la sola WhatsApp ha raggiunto 800 milioni di utenti che ogni mese si scambiano 30 miliardi di messaggi.

Quello dell’instant messaging è un mercato che sembra non avere limiti e anche quello che sembrava insormontabile, cioè il costo di connessione in roaming in assenza di wi-fi quando ci si trova all'estero, è stato superato. ChatSim è infatti la sim che permette di scambiare messaggi attraverso le app gratuitamente e senza limiti anche in zone che non hanno la copertura wi-fi al costo annuo di 10 euro.

Utilizzabile per le principali applicazioni di messaggistica istantanea come WhatsApp, Telegram, WeChat e Viber, ChatSim è nata con il nome di WhatSim come start up di Zeromobile, il primo operatore mobile in Italia per il roaming low cost. Oggi, a 5 mesi dal suo lancio con oltre 100mila sim vendute, accordi di distribuzione in 30 paesi e una valutazione di oltre 4 milioni di euro, è pronta per diventare un’azienda a sé stante, la ChatSim.

L’operazione è stata realizzata con la partecipazione di Angelsim Sarl, società lussemburghese che ha investito un milione di euro nella start up nata dall’intuizione di Manuel Zanella, fondatore e amministratore delegato di Zeromobile.

ChatSim è acquistabile online sul sito www.chatsim.com ed è consegnata gratuitamente in tutto il mondo.

Commenta su Facebook