Nasce Netcomm e-Travel district, incubatore di startup del turismo che raggiunge tutti i clienti di eDreams
A
Un incubatore di startup del turismo che mette a disposizione delle nuove aziende servizi tecnologici e di consulenza strategica (ottimizzazione del modello di business, implementazione dei processi di funzionamento dell’azienda, internazionalizzazione dell’offerta) e che, soprattutto, offre loro un consistente volume di potenziali clienti e un network composto dai principali player nazionali del settore.

Il progetto Netcomm e-Travel district, presentato ieri nell’ambito dell’ecommerce Netcomm Forum di Milano, è promosso dal consorzio degli operatori italiani dell’e-commerce insieme a eDreams Odigeo e ad Amadeus, che opera nelle tecnologie avanzate per l’industria dei viaggi e del turismo, e prende le mosse dalla constatazione di quanto poco il turismo italiano sia ancora digitalizzato.

“Si tratta della prima iniziativa di questo genere interamente dedicata al mondo del turismo” spiega Roberto Liscia, presidente di Netcomm. “Il mercato turistico italiano vale 110 miliardi di euro, ma meno del 10% è realizzato in eCommerce. In altri paesi tale percentuale raggiunge e supera il 50%. Ci sono quindi margini enormi di crescita e ampio spazio per gli attori italiani attivi nell'e-travel e per le startup del settore”.

Vera peculiarità del progetto è la possibilità, per le startup, di accedere subito alle piattaforme di eDreams Odigeo, cioè eDreams, GO Voyages, Opodo, Travellink e Liligo, che servono complessivamente più di 15 milioni di clienti. “Permetteremo a queste nuove aziende di offrire i loro servizi ai milioni di utenti che utilizzano i nostri portali” conferma Angelo Ghigliano, country director di eDreams Odigeo Italia. “Se uno dei principali problemi per una startup è quello di farsi notare dai suoi potenziali clienti, la nostra scelta di supportare l’e-Travel district fornirà una soluzione a questa esigenza”.

Commenta su Facebook

Altro su...

Tecnologia

Turismo