Presentato il prototipo di Pluggae, la valigia connessa per viaggiatori iperconnessi: ai consumatori l’invito a contribuire al progetto
A
Anche le valigie si adeguano ai tempi e alle nuove esigenze del mercato del travel, rivoluzionato dalle tecnologie e caratterizzato da nuovi stili di viaggio. L’azienda francese Delsey (quella che nel 1972 lanciò il primo trolley rigido con le ruote che poi ha conquistato il mondo) ha presentato ora il primo prototipo di una valigia 2.0 dedicata ai viaggiatori iperconnessi.

Il modello, che si chiama Pluggae ed è stato sviluppato dopo due anni di ricerca, prevede una serie di funzionalità da utilizzare nei diversi momenti del viaggio.

Prima della partenza: l’indicatore di sovraccarico aiuta a evitare spiacevoli sorprese in tema di eccedenza di peso della valigia al momento del check in. Una checklist del viaggio consente di verificare che nulla sia stato dimenticato.

Durante il viaggio: l’alimentatore incorporato consente di ricaricare il proprio smartphone o tablet ovunque, senza doversi contendere le eventuali prese per le ricariche disponibili negli aeroporti.

Una volta a bordo: la app di Pluggae conferma la presenza del bagaglio a bordo dell’aereo con una notifica – una funzionalità fondamentale se si considera che negli aeroporti del mondo vengono smarrite 82mila borse al giorno e 26 milioni di valigie l’anno. La app fornisce anche informazioni in tempo reale sul volo e sulle condizioni meteo all’arrivo.

All’arrivo: il sistema di verifica comunica al passeggero se la valigia è stata aperta durante il viaggio, incrementando la sicurezza e garantendo un viaggio più tranquillo. Il sistema di apertura e chiusura funziona con la lettura delle impronte digitali.

In loco: il sistema di illuminazione interna consente di trovare più facilmente gli oggetti all’interno della valigia. Per ascoltare la musica preferita, Pluggae è dotata anche di altoparlanti incorporati che si connettono allo smartphone.

Il progetto di Pluggae non è ancora definitivo, e Delsey invita gli utenti del web a contribuire a definirne le caratteristiche attraverso il sito web dedicato, dove si possono votare le funzionalità preferite fino a fine marzo 2015.

Commenta su Facebook

Altro su...

Tecnologia