Aperte le iscrizioni alla Samsung App Academy, il corso gratuito di “sviluppo delle app per non sviluppatori”
A
Il mercato legato alle app per dispositivi mobili e al web in mobilità ha raggiunto in Italia, nel 2013, il valore di 25,4 miliardi di euro, con la prospettiva di arrivare a 40 miliardi entro il 2016. È da questi dati, forniti dall’Osservatorio Mobile & App Economy del Politecnico di Milano, che è nata l’idea della Samsung App Academy, il progetto di formazione che ha l’obiettivo di colmare l’esigenza di mercato di figure professionali specializzate nello sviluppo di app su piattaforma Android.

Il corso, finanziato da Samsung Italia, è gratuito e aperto a un massimo di 30 partecipanti. Si rivolge a neolaureati e professionisti attualmente senza occupazione e si terrà presso l’Aula Samsung del Politecnico di Milano, uno spazio multimediale attrezzato con tecnologie Samsung quali lavagne elettroniche, tablet, computer e dispositivi di tecnologia indossabile.

Il percorso formativo avrà inizio il 13 ottobre, e si articola su 18 giornate e 7 sessioni di laboratorio, per un totale di 136 ore d’aula, con un programma che prevede due macro moduli: Basi di programmazione, per l’apprendimento delle principali nozioni di sviluppo software, e Sviluppo Android, per l’acquisizione di competenze specifiche sullo sviluppo di app su piattaforma Android. Saranno inoltre illustrate le opportunità offerte dai mercati della App Economy e gli studenti, che avranno la possibilità di accedere agli ambienti di sviluppo Scratch e App Inventor e di utilizzare i dispositivi Samsung per testare le soluzioni proposte durante il corso, saranno supportati supportare nella realizzazione di una propria app.

Due tra gli allievi più meritevoli del corso avranno la possibilità di trascorrere un periodo di stage presso Samsung Electronics Italia, che ha attivato anche il proprio ecosistema di aziende partner per poter offrire ai partecipanti ulteriori opportunità professionali. Le iscrizioni sono aperte fino al 2 ottobre sul sito del Politecnico di Milano.

Commenta su Facebook