Madrid Convention Bureau
La città che fa tornare i congressi
Madrid è la terza città al mondo per numero di congressi associativi ospitati. La sfida serrata con Parigi e Vienna, rispettivamente prima e seconda, prosegue grazie ai grandi eventi che, dopo averla già scelta, confermano la capitale spagnola anche per le prossime edizioni.
A
La classifica ICCA (International Congress and Convention Association) delle città che hanno ospitato il maggior numero di congressi associativi internazionali ha assegnato a Madrid il 3° posto. Nel ranking appena diffuso la destinazione, con 200 congressi ospitati nel 2014, è preceduta di solo da Parigi e Vienna.

La buona performance della capitale spagnola registra anche “casi speciali”, come il Congresso della Società Mondiale di psichiatria, il Congresso della Società Europea di Oncologia Medica e quello mondiale di Air Traffic Management. Questi 3 eventi, da soli, hanno portato a Madrid complessivamente più di 34mila delegati per un impatto economico di oltre 40 milioni di euro.

In particolare, il Congresso della Società Europea di Oncologia Medica, tenutosi nel mese di settembre, ha visto la partecipazione di 20mila delegati (80% stranieri) che hanno acquistato più di 95mila pernottamenti negli alberghi cittadini, generando un ritorno economico di oltre 26 milioni di euro per l'economia locale.

Per consolidare la propria posizione, nel 2014 il Madrid Convention Bureau (esempio di partenariato pubblico-privato con 190 aziende associate) ha presentato 66 candidature vincendone più della metà. I congressi acquisiti lo scorso anno che si svolgeranno da qui al 2020 sono infatti 45. Le vittorie comprendono nuove acquisizioni, come il Transplant World Congress per cui nel 2018 sono attesi 5mila delegati, e ritorni. A confermare Madrid sono stati il congresso di oncologia e quello mondiale di Air Traffic Management: il primo tornerà nel 2017, il secondo nel 2016 e nel 2017.

A spingere il board della Società Europea di Oncologia Medica a puntare nuovamente su Madrid sono stati più fattori. Il primo è che l’edizione spagnola del 2014 ha registrato presenze record. I partecipanti hanno superato di oltre il 20% quelli previsti indicando come la destinazione goda di una buona reputazione a livello internazionale.

Altri elementi valutati positivamente sono stati la connettività aerea (200 le destinazioni del mondo collegate all’aeroporto di Madrid-Barajas), la professionalità e qualità dei fornitori, l’offerta culturale della città e la funzionalità del centro congressi del polo fieristico IFEMA.

Gli organizzatori che scelgono Madrid hanno a disposizione 242 hotel a 3, 4 e 5 stelle. Negli ultimi dieci anni l’offerta alberghiera è aumentata del 40% e il trend non sembra essere terminato. Guardando alle sole strutture di fascia alta, quest’anno la catena SidormeHotels ha inaugurato un boutique hotel di 44 camere in un palazzo del 1830 completamente ristrutturato del centro città. L’anno prossimo OneShotHotels aprirà un albergo di 83 camere nella zona delle ambasciate.

I siti patrimono dell'Unesco nel raggio di 100 chilometri da Madrid sono 6: Alcalá de Henares, Aranjuez, Ávila, El Escorial, Segovia e Toledo. E poi, 89 musei (Prado su tutti), più di 3mila ristoranti, compresi 16 stellati Michelin, 30 campi da golf e così tante occasioni per gli acquisti da aver fatto vincere alla città nel 2014 il 2° posto dopo Londra del Globe Shopper Index, il ranking che considera le città del mondo più attrattive per gli appassionati di shopping.

Sotto, video di presentazione di Madrid.



Madrid Convention Bureau
Plaza Mayor, 27
28012 Madrid (Spagna)
Tel: +34 917012210
info.mcb@esmadrid.com
www.esmadrid.com/mcb

Pubblicato il 15 maggio 2015

Madrid