Lanciata Sli.do Glass, la prima applicazione per Google Glass che supporta gli speaker e dà voce alla platea di un evento
A
Si chiama sli.do, ed è un’applicazione web-based, che non necessita cioè di essere scaricata sullo smarphone ma può essere utilizzata accedendo al sito con una URL personalizzata, progettata per stimolare l’interazione attiva del pubblico in sala durante un evento.

L’applicazione parte dal presupposto che durante un evento live, nella fase delle domande allo speaker, i tre quarti del pubblico non siano abbastanza “audaci” da porre le proprie domande di fronte a tutti e che, quindi, tanta parte delle osservazioni più interessanti rimanga inespressa. Per ovviare a questo problema, sli.do fornisce una piattaforma, accessibile da qualsiasi dispositivo, dove i partecipanti possono scrivere le proprie domande e inviarle allo speaker, così come votare con un like le domande poste dagli altri membri del pubblico, tutte visibili sull’applicazione, segnalando le più interessanti o pertinenti.

Semplice e immediata, sli.do è stata sviluppata un anno fa ed è già stata utilizzata durante le proprie convention da aziende del calibro di Google, KPMG, SAP, IDC, Oracle e Telefonica O2 in più di 25 paesi del mondo.

La versione per Google Glass è stata presentata alla Fresh Conference di Copenhagen, dove  ha vinto il premio come Best Tool: le funzionalità sono le stesse della versione web, con la particolarità aggiuntiva che speaker e moderatori, indossando il dispositivo multimediale di Google, possono visualizzare domande e input del pubblico direttamente negli occhiali e integrare risposte e commenti direttamente nel proprio intervento senza soluzione di continuità.

Sli.do per Google Glass è per il momento disponibile solo per clienti selezionati per la fase di test prima del rilascio al pubblico. Sotto, il video che illustra come funziona l'applicazione.

Commenta su Facebook

Altro su...

Tecnologia