Rinnovato il direttivo del comitato italiano di ICCA, Enrico Belli è il nuovo presidente
A

Enrico Belli

È Enrico Belli il nuovo presidente del comitato italiano di ICCA, l'International Congress and Convention Association. Belli, che è sales & marketing manager del Centro Congressi di Padova "A. Luciani" succede a Federica Lucini, communication & marketing manager del Convention Bureau della Riviera di Rimini, mentre Maria Cristina Schiavone, operations manager di PLS Educational-Gruppo GEM, viene riconfermata vicepresidente.

Il direttivo, le cui cariche sociali vengono rinnovate a cadenza triennale, è stato eletto nel corso dell’assemblea dei soci tenutasi durante la convention di Federcongressi&eventi appena conclusasi a Venezia.

È una grande responsabilità raccogliere l’impegnativa eredità di Federica, che ha lavorato benissimo in questi tre anni”, ha dichiarato Belli. "Come centro congressi siamo associati a ICCA da meno di un anno e credo che i colleghi abbiano colto il nostro entusiasmo nel partecipare alla vita di questa associazione che ha oltre 1.000 aderenti nel mondo ed è diretta da un grande professionista come Martin Sirk”.

Belli raccoglie il testimonial dalla Lucini che, durante il suo mandato, ha contribuito allo sviluppo del comitato e alla visibilità della meeting industry italiana attraverso più iniziative. Nel 2011, aveva lanciato ICCA Congress iPad sponsor, operazione di sponsorship con ICCA Head Quarters di Amstedam per la promozione dell’utilizzo delle nuove tecnologie durante gli eventi internazionali.

Nel 2012 ha poi organizzato a Milano, durante la riunione del board del Management and Financing Committee di ICCA, la tavola rotonda Il congressuale internazionale, molto più di un settore dell’industria del turismo, ma vero motore per l’economia nazionale, mentre in chiusura di mandato, lo scorso febbraio, ha promosso e collaborato all’organizzazione a Roma del Mediterranean Chapter Summit, incontro annuale dei soci ICCA di Croazia, Cipro, Egitto, Francia sud-orientale, Grecia, Israele, Italia, Libano, Malta, Monaco, Montenegro, Marocco, Serbia e Turchia.

Commenta su Facebook