Torna a Torino B com, l'evento di incontro B2B fra aziende e fornitori di soluzioni per il web marketing e l'e-commerce
A
Fare incontrare le aziende italiane con i fornitori di soluzioni digitali per il marketing, l'e-commerce e la comunicazione per favorirne l'innovazione, e offrire momenti di formazione e aggiornamento specializzati per accrescere la cultura professionale specifica.

Questi gli obiettivi della seconda edizione di B com che, organizzato da GL events, si svolgerà al Lingotto Fiere di Torino dal 26 al 27 marzo. L’evento, per il quale sono attesi 2mila visitatori, si svolgerà secondo la modalità del workshop B2B: aziende italiane e internazionali specializzate in soluzioni per il web marketing e l'e-commerce, fra cui Google, Oracle, Pay Pal e Netcomm, incontrano decision maker delle aree marketing e vendite di imprese con un fatturato annuo di oltre 5milioni di euro, attraverso oltre 800 appuntamenti prefissati.

Parallelamente al workshop si svolgerà la parte dedicata alla formazione con un calendario di conferenze, tavole rotonde e 20 seminari durante i quali, grazie all’applicazione Primo Round, il pubblico potrà interagire direttamente con i relatori avendo anche la possibilità di fissare appuntamenti one-to-one in un’area riservata.

Oltre alle 2 sessioni plenarie curate dalla School of Management del Politecnico di Milano dedicate allo scenario e-commerce B2C in Italia e al marketing multicanale, verranno affrontati temi caldi come le opportunità offerte dal real time bidding (lo strumento che consente di mostrare in tempo reale annunci pubblicitari a un target mirato e selezionato in base ai comportamenti mostrati in Rete) e dal Facebook commerce.

Bazarvoice e ZeroUno punteranno poi il focus sul social commerce e il social CRM, mentre Bussolino-sitcap analizzerà le chiavi di successo di una campagna di direct marketing. B com darà spazio anche alle startup digitali più innovative con l’area dedicata Startup LAB.

B com 2014 è stato patrocinato da una molteplicità di istituzioni, fra cui la Commissione Europea, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dello Sviluppo Economico e l’Agenzia per l’Italia Digitale.

Commenta su Facebook