Heineken firma Good Morning Milano: 80mila mappe per convincere i giovani a usare i mezzi pubblici di notte
A
Oltre 80mila mappe da distribuire tutti i weekend nel giro di un mese per far conoscere la rete di collegamenti notturni milanesi nell'intento di promuovere, così, l'utilizzo dei mezzi pubblici. Questo l'ingrediente principale di Good Morning Milano, l'iniziativa promossa da Heineken con ATM (l'azienda dei trasporti pubblici milanesi) e la collaborazione del Comune di Milano. Con l'aiuto degli operatori del Movimento Consumatori, nei weekend dal 31 maggio al 29 giugno le mappe verranno distribuite nei luoghi della movida milanese maggiormente frequentati da giovani e turisti: Navigli, Sempione, Corso Como, Colonne di San Lorenzo e Porta Romana.

Il messaggio è chiaro: dopo una notte di divertimento con gli amici all'alba è preferibile tornare a casa con i mezzi pubblici, anziché utilizzare la propria auto, scegliendo tra le 16 linee disponibili, per un totale di 282 corse e un potenziale di 25mila passeggeri. L'evento di quest'anno prende le mosse da quello del dicembre 2012 quando, in soli due weekend, erano state distribuite oltre 18mila mappe.

Per aumentare l'engagement con il pubblico, Heineken ha ideato anche un'iniziativa fotografica valida fino al 31 luglio, invitando tutti a fotografare il volto notturno di Milano e a inviare le foto a hello@goodmorningmilano.it. Le immagini migliori verranno pubblicate ogni giorno sul sito dell'iniziativa.

Il tema del consumo responsabile non è nuovo per Heineken: "Invitare le persone a servirsi dei mezzi pubblici significa promuovere una visione più sostenibile della città" osserva Alfredo Pratolongo, direttore Comunicazione e Affari Istituzionali di Heineken Italia "e, in questo caso, significa anche invogliare i giovani ad adottare comportamenti più responsabili. Questa e altre iniziative rientrano nel percorso di sostenibilità che Heineken ha intrapreso negli ultimi anni, con l'obiettivo di diventare il produttore di birra più green al mondo entro il 2020".

Commenta su Facebook