Il turismo internazionale cresce del 5% a inizio 2014, in Italia aumenta la spesa media per il travel
A
Nel 2014 il turismo internazionale non solo regge, ma fa registrare, nei primi 4 mesi dell'anno, una crescita del 5% negli arrivi, la stessa percentuale rilevata nell’intero arco del 2013. È quanto ha evidenziato il più recente World Tourism Barometer, lo studio pubblicato dall’Organizzazione Mondiale del Turismo.

I turisti internazionali sono stati 317 milioni tra gennaio e aprile, 14 milioni in più rispetto allo stesso periodo del 2013: grazie a questi buoni risultati dei primi mesi dell’anno, le aspettative per la stagione estiva sono positive, con stime di più di 460 milioni di persone che si muoveranno a livello internazionale nel periodo compreso tra maggio e agosto.

L’incremento di arrivi in questa prima parte dell’anno, secondo quanto riporta TTGItalia.com, ha interessato soprattutto l’Asia-Pacifico e le Americhe (+6%), seguite a ruota da Europa e Africa con un +5% per ognuno dei continenti. In particolare, nell’area asiatica e del Pacifico sono cresciute soprattutto le zone del sud (+8%) e del nord-est (+7%), mentre in Europa dominano, con una crescita dell’8%, i paesi del nord e del Mediterraneo. In Afica a trainare il mercato turistico sono i paesi nel nord del continente (+8%).

Per quanto riguarda i mercati di provenienza dei flussi di viaggiatori, quelli che registrano l’incremento maggiore sono Cina, Russia, Arabia Saudita e India. Parallelamente ai volumi, aumenta anche la spesa media di chi viaggia a livello internazionale: a generarne la crescita più significativa sono Italia, Australia, Repubblica di Corea, Olanda, Norvegia e Svezia.

Commenta su Facebook