TripAdvisor: Italia destinazione preferita dai viaggiatori internazionali, gli italiani viaggiano di più ma spendono di meno
A
L’Italia è la prima destinazione che i viaggiatori internazionali sceglierebbero di visitare se non avessero alcun limite di budget: il primato, in verità condiviso a pari merito con l’Australia, conferma che il Belpaese continua a giocare un ruolo di primo piano nell’immaginario collettivo globale delle mete con il maggiore appeal. Per contro, la destinazione preferita dagli italiani è la Francia, che risulta al vertice della classifica dei paesi che gli italiani hanno visitato nei 12 mesi passati e che intendono visitare nei prossimi 12 mesi.

A segnalarlo è la più recente edizione del TripBarometer, l’indagine semestrale che TripAdvisor conduce su 61.000 viaggiatori e albergatori di tutto il mondo (6.465 in Italia) con l’obiettivo di monitorare i comportamenti di pianificazione, prenotazione e spesa dei viaggiatori a livello globale.

Un primo dato significativo è quello relativo alle intenzioni di viaggio degli italiani: secondo il TripBarometer, nel 2014 la percentuale di connazionali che pianificano viaggi internazionali è salita dal 71% del 2013 all’attuale 82%, mentre quelli che intendono compiere viaggi nazionali nel corso dell’anno sono il 91%, cioè il 3% in più rispetto all’anno precedente. Nonostante l’ancora precaria situazione economica, sottolinea TripAdvisor, la maggior parte dei rispondenti non intende rinunciare ai viaggi e preferisce risparmiare in altri ambiti per non intaccare il budget dedicato al travel.

A fronte di una media di spesa per viaggi che, a livello globale ed europeo, è in crescita, il mercato italiano esprime invece la tendenza a ridurre i budget del 2%, con una cifra annuale stanziata di 3.056 euro. Questa tendenza, dice il TripBarometer, sta inflenzando le politiche di pricing degli alberghi, che si adeguano ai comportamenti dei clienti evitando, per la maggior parte, di aumentare le tariffe. Solo il 27% degli albergatori italiani, infatti, prevede di aumentare il prezzo delle camere nel 2014, a fronte invece di un 52% a livello globale. Il fenomeno gioca a favore della destinazione Italia, che risulta conveniente per l’incoming dall’estero.

La riduzione dei budget di viaggio determina anche la tendenza a fare più ricerche per trovare la migliore occasione: il 91% degli italiani afferma che la propria scelta di vacanza è spesso determinata dalla disponibilità di offerte speciali, e prezzo (95%) e offerte speciali (32%) sono considerati tra i fattori di decisione più importanti quando si prenota un albergo.

Commenta su Facebook