La ripresa economica è vicina, i manager europei ottimisti quasi quanto gli asiatici
A
La recessione sembra allontanarsi e si avvicina il rilancio dell’economia. A sostenerlo sono i manager delle più grandi aziende d’Europa che, nell’ultimo trimestre di quest’anno, hanno espresso una fiducia nella ripresa con indici positivi che non si registravano dall’aprile del 2011.

Il dato confortante arriva da YPO Global Pulse Confidence Index, indagine condotta con cadenza trimestrale da YPO, rete mondiale di 20mila CEO, coinvolgendo 2.113 amministratori delegati di tutto il mondo, tra cui 272 nell'Unione Europea. Secondo la ricerca in Europa l’indice di fiducia, che lo scorso anno si era attestato a 51,4 punti, il più basso registrato nei quattro anni e mezzo di vita della survey, ha raggiunto oggi i 59,2 punti.

Il maggior ottimismo che si respira nel Vecchio Continente è confermato anche da un altro elemento. Il gap tra Europa e Asia, che sino a sei mesi fa raggiungeva ben 12,8 punti, si è ridotto a 1 solo punto. Sono invece gli Stati Uniti i meno ottimisti: il livello di fiducia dei manager d'oltreoceano è infatti ai minimi storici di crescita, ai livelli del luglio dello scorso anno.

Due le ragioni del clima positivo che si respira in Europa. Da una parte le imprese prevedono un incremento delle vendite: oltre la metà dei partecipanti all’indagine, infatti, pensa che aumenteranno nel corso dei prossimi 12 mesi. Dall’altra, l’impegno della Banca Centrale Europea per stabilizzare l'euro ha fatto sì che il sentiment generale nei paesi periferici più colpiti dalla crisi della moneta unica sia diventato positivo come quello delle principali economie.

Un clima che, però, non sembra portare a nuove opportunità occupazionali: le assunzioni di dipendenti e le previsioni di investimenti in Europa rimangono infatti più attenuate rispetto al quadro economico mondiale.

I più ottimisti in Europa sono i manager britannici, con un aumento di fiducia di quasi 4 punti a quota 65.0, il livello più alto mai raggiunto da aprile 2011. Anche la fiducia tedesca è in risalita a quota 58.4, il picco più alto da luglio 2011, mentre la Francia si attesta a 50.

Commenta su Facebook