Termini-Vodafone: a Roma la prima fermata di metrò sponsorizzata d'Italia, l’accordo spiana la strada ad altri brand
A
L’indiscrezione era trapelata già lo scorso giugno: ora la fermata della metropolitana Termini-Vodafone è divenuta realtà. La prima operazione italiana di branding di una stazione della metropolitana è stata realizzata grazie a un accordo fra la società di telecomunicazioni e l’azienda dei trasporti pubblici di Roma siglato dai rispettivi vertici, il presidente di Vodafone Italia Pietro Guindani e l'amministratore delegato di Atac Danilo Broggi.

Come già avvenuto a Madrid, dove Vodafone ha brandizzato la linea rossa (Linea Vodafone) della metro e la sua fermata principale, oggi Vodafone Sol, l’accordo darà una boccata di ossigeno all’azienda del trasporto pubblico, che investirà i ricavi (pare ammontino a centinaia di migliaia di euro) su nuovi servizi all’interno del capolinea di superficie di piazza dei Cinquecento, sul decoro dell’area metro di Termini e sulle infrastrutture dell’intera rete metropolitana.

La sponsorizzazione prevede, per i tre mesi (rinnovabili) dell’accordo iniziale, la denominazione congiunta della stazione Termini-Vodafone, la creazione di un temporary store Vodafone su piazza dei Cinquecento e il completo restyling della stazione metro Termini, con l’aggiornamento del nome e di pensiline, ingressi, area tornelli, scale mobili, banchine e la decorazione integrale di due treni. L’iniziativa rientra in un piano più ampio di investimenti su Roma da parte di Vodafone Italia, che quest’anno ha scelto città per la realizzazione della campagna Live Red, che vedrà svolgersi a settembre eventi e spettacoli per i cittadini in diverse parti della città.

Atac valuterà se estendere a tutta la sua rete tale nuova modalità di interventi. Intanto, pare che i canali con altri potenziali sponsor, in primis Coca-Cola e Armani, si siano già attivati. La visibilità che un operazione del genere garantisce ai brand è molto elevata: basti pensare che guide turistiche, mappe e cartellonistica riporteranno al nome dello sponsor come parte integrante della topografia della città.

Commenta su Facebook