In volo meglio il wi-fi, ma i telefoni devono rimanere spenti
A
I tradizionali programmi di in-flight entertainment proposti della compagnie aeree hanno perso consensi, tanto è vero che il 63% dei viaggiatori ne farebbe a meno se a bordo fosse offerta loro una buona connessione wi-fi. Attenzione però: il desiderio di connettività in volo non si applica al telefono: soltanto il 38% dei passeggeri utilizzerebbe la possibilità di accenderlo, preferendo un volo tranquillo e silenzioso, senza vicini di posto che chiacchierano a voce alta con amici e parenti.

L’indagine di Skyscanner, il portale di prenotazione voli, è stata condotta su un campione di 1.000 viaggiatori, che hanno espresso relativamente poca socialità reale e molta propensione invece alla socialità virtuale: un quarto degli intervistati ha dichiarato infatti di non avere nessuna voglia di chiacchierare con il vicino di posto, nemmeno durante un volo di 12 ore, mentre due terzi hanno detto che utilizzerebbero il wi-fi soprattutto per chattare online con gli amici, twittare e postare su Facebook. Solo il 15% sfrutterebbe la connessione per tenersi in contatto con l’ufficio o lavorare.

In un volo di lungo raggio che dura 12 ore, il 43% dei passeggeri ne trascorre almeno quattro guardando film o programmi televisivi, ma al posto della selezione proposta dal vettore sceglierebbe di vedere in streaming, attraverso il wi-fi, ciò che preferisce.

Commenta su Facebook

Altro su...

Compagnie aeree