DMAI lancia uno strumento per quantificare l'impatto degli eventi sulle destinazioni
A
DMAI, associazione internazionale delle organizzazioni per il destination marketing e dei convention bureau, ha lanciato uno strumento per quantificare il valore economico degli eventi: si chiama Event Impact Calculator e misura i benefici di un meeting in termini di vendite, posti di lavoro, stipendi e impatto fiscale, mettendo a confronto il valore totale dell'evento con i costi organizzativi.

Si ottiene così un valore che può esprimere il ROI (return on investment) ovvero il parametro che viene sempre più richiesto per spiegare al mercato e alle istituzioni il valore di un evento e orientare le politiche, gli incentivi e i budget disponibili. Lo strumento di calcolo è stato sviluppato dalla società Tourism Economics, di proprietà della Oxford Economics.

L'approccio tradizionale per quantificare l'impatto economico degli eventi ha sempre poggiato sulle medie di spesa nazionale, che però forniscono soltanto una valutazione limitata del più ampio valore degli eventi, sottolinea DMAI: l'obiettivo è sviluppare uno standard che sia in grado di analizzare il reale impatto degli eventi.

Rispetto ai metodi precedenti, DMAI afferma di avere conseguito con l'Event Impact Calculator tre vantaggi: uno strumento flessibile (ogni destination marketer può inserire i parametri del proprio evento e ottenere diversi scenari in base al tipo di meeting, al settore merceologico e ai dati finanziari), localizzato (l'analisi tiene conto e restituisce dati relativi a una città specifica) e di ampia copertura: l'impatto può essere quantificato in base a chi spende e dove spende calcolandone i benefici economici (vendite, posti di lavoro, imposte).

I parametri base da inserire sono la dimensione (numero di partecipanti), la durata e il tipo di evento. Attualmente, inoltre, DMAI sta sviluppando un componente aggiuntivo per far sì che i produttori di software CRM (quelli per mantenere e sviluppare le relazioni con i propri clienti) possano importare ed esportare questi dati.

Commenta su Facebook