Ricerca Magnews: e-mail strumento fondamentale per gli utenti, priorità ai messaggi rilevanti
L'indagine Email Marketing Trends 2011 condotta in collaborazione con Nielsen, rivela l’utilizzo che gli italiani fanno della posta elettronica offrendo spunti e riflessioni interessanti per chi fa e-mail marketing.
A
L'e-mail è uno strumento fondamentale per gli italiani, ma gli utenti chiedono più rilevanza di contenuti: il 73% di chi usa la posta elettronica vorrebbe ricevere solo messaggi inerenti ai temi di interesse. È quanto emerge dalla ricerca  Email Marketing Trends 2011 - The User Experience Report realizzata da Nielsen per conto di Magnews, la business unit di Diennea specializzata in e-mail marketing.

L'indagine (scaricabile gratuitamente lasciando i propri dati personali) è centrata sulle preferenze e le percezioni concrete di chi usa questo mezzo di comunicazione e fornisce indicazioni interessanti per le campagne di e-mail marketing.

Le 1.003 interviste (realizzate dal 31 marzo al 6 aprile 2011) formano un campione rappresentativo dei 25,8 milioni di persone attive su internet e rivelano che gli utenti trascorrono in media un'ora al giorno nell'utilizzo delle caselle di posta elettronica, che in media sono 2,6 a persona. La Rete è ormai un fenomeno di massa: il 93% del campione ne fa un utilizzo quotidiano, per una media di tre ore al giorno.

La ricerca individua quattro tipologie di utenti o "cluster" (evoluti, follower, indifferenti e pragmatici) identificabili sulla base di alcuni parametri quali l’atteggiamento verso le mail, il numero di caselle utilizzate, la frequenza con la quale le si controlla, il tempo trascorso a verificare la posta e il numero di mail ricevute quotidianamente

La lettura e l'invio di messaggi di posta elettronica sono l'unica attività eseguita dal 100% del campione, seguita dal cercare informazioni su prodotti e servizi (74%) e consultare i siti di informazione (72%). L'e-mail privata è ormai parte integrante della vita quotidiana, tanto che viene controllata anche durante l'orario di lavoro.

Il 61% degli intervistati cancella i messaggi percepiti come non desiderati senza nemmeno leggerli. Il fattore più importante per decidere il destino di una e-mail è il mittente.

Interessanti i dati sulle newsletter ricevute: il target intervistato dichiara di ricevere una media di 5 argomenti (e-commerce, viaggi e news) di cui solo la metà è ritenuto interessante. Da qui si deduce la necessità di personalizzare le newsletter sulla base dei reali interessi dell’utente.

Gli argomenti più "desiderati" sono viaggi, news e cucina; quelli con il miglior rapporto tra livello di interesse e messaggi effettivamente ricevuti sono viaggi e lavoro.

Quanto alla percezione dello spam, oltre due terzi degli italiani connessi ritengono che sia aumentato o rimasto stabile.

Il canale mobile ha conquistato ormai il 30% degli utenti: questo implica la necessità di adattare gli invii di comunicazioni ai nuovi dispositivi sempre più diffusi, tablet computer e smartphone.

Commenta su Facebook