Parte da New York il primo BMW Guggenheim Lab, laboratorio itinerante sull'urbanistica contemporanea
A
BMW celebra 40 anni di sponsorizzazioni nel settore della cultura. In questo lungo periodo il Gruppo tedesco è stato coinvolto in oltre 100 collaborazioni in tutto il mondo, focalizzando le iniziative soprattutto su arte moderna e contemporanea, musica jazz e classica, architettura e design.

E artisti di fama internazionale hanno dato il proprio contributo: nel 1972 Gerhard Richter ha creato opere d'arte ad hoc per il foyer del quartier generale del BMW Group a Monaco; poi si sono prodigati altri artisti del calibro di Andy Warhol e Jeff Koons. La filosofia dell'azienda è tutelare la libertà creativa in ogni attività culturale-artistica.

È da questo principio che nasce anche il BMW Guggenheim Lab, che sarà inaugurato il 3 agosto a New York City. La nuova iniziativa nasce da una partnership siglata tra Richard Armstrong, direttore del Solomon R. Guggenheim Museum and Foundation, e Jim O'Donnell, presidente e CEO di BMW North America, con l'obiettivo di creare un "urban think tank" e laboratorio mobile dove esplorare e confrontare modelli di città contemporanee, uno spazio pubblico e un forum online per scambiare e condividere idee o proporre soluzioni.

Il BMW Guggenheim Lab sarà ubicato al 33 East First Street, tra le First e Second Avenue. Tema dell'inaugurazione: "Confronting Comfort". La struttura mobile, progettata dall'Atelier Bow-Wow di Tokyo, ha una superficie di circa 230 mq.

La Grande Mela sarà la prima delle tre città toccate dall'innovativo laboratorio itinerante: il progetto durerà sei anni e proporrà tre diverse tematiche, una per ogni città. Nella primavera-estate del 2012 il Lab si sposterà a Berlino e, successivamente, in una metropoli asiatica, che verrà decisa entro fine anno. Il BMW Guggenheim Lab rimarrà nella Grande Mela sino al 16 ottobre 2011.

Commenta su Facebook

Altro su...

Sponsorizzazioni

BMW