Aeroporti: i viaggiatori chiedono wi-fi gratuito e check-in dagli smartphone
A
La sesta ricerca annuale internazionale di SITA – società che fornisce soluzioni tecnologiche e consulenze per il trasporto aereo – sulle abitudini e le esigenze dei viaggiatori di grandi aeroporti internazionali rivela un importante cambiamento nelle modalità di acquisto e gestione del viaggio, con il mobile e il web ormai in testa fra gli strumenti utilizzati. La comunicazione veloce e diretta tra passeggero e aeroporto si impone come una realtà sempre più sentita e non procrastinabile.

Sono 2.500 i viaggiatori intervistati per il 2011 Air Transport World Passenger Self-Service Survey, studio che ha coinvolto sei grandi hub a livello globale: Abu Dhabi International Airport, Beijing Capital International Airport, Frankfurt International Airport, Hartsfield-Jackson Atlanta International Airport, Chhatrapati Shivaji International Airport di Mumbai e il Guarulhos International Airport di San Paolo.

Cresce innanzitutto l’autonomia dei viaggiatori: quasi il 60% prenota il proprio volo online (nel 50% dei casi direttamente sul sito delle compagnie aeree) e, grazie alla diffusione degli smartphone (ne possiede uno il 54% di chi viaggia, in grande crescita rispetto all’anno precedente, quando era il 28%), cresce il check-in attraverso i dispositivi mobili (al 2,5%, ma il 75% dei rispondenti lo vorrebbe), seguito dal sito internet della compagnia (22%) e dai chioschi di self-check-in posti in aeroporto (28,5%).

Solo il 44% si affida ai banchi tradizionali, che in futuro saranno utilizzati solo per le esigenze e richieste complesse, lasciando al singolo viaggiatore le operazioni ordinarie.

Fra le richieste di miglioramento nei servizi, al primo posto c’è ancora la puntualità dei voli (oltre il 30%), seguita però da informazioni più chiare, dall’accesso wi-fi gratuito in aeroporto (oltre il 20%) e dalla richiesta di contenere in dieci minuti il tempo per i controlli di sicurezza.

La ricerca mette poi in evidenza che la connessione Bluetooth e la rete wi-fi gratuita sono strumenti che non solo permetterebbero di comunicare velocemente con i passeggeri, informandoli tempestivamente di cambi di orari o altre modifiche, ma darebbero anche agli aeroporti la possibilità di tracciare i flussi dei passeggeri, così da capire per esempio in quale aree si creano congestioni e quali sono i punti di maggiore interesse, potendo poi intervenire per migliorare procedure e servizi.

La ricerca completa si può scaricare, previa registrazione, dal sito di SITA.

Commenta su Facebook