Dove va il business travel italiano: Parigi prima destinazione in Europa, a Milano il primato dei viaggi nazionali
A
Parigi si conferma ancora una volta la città europea dove gli italiani si recano di più per lavoro, e la Francia in generale è il primo paese europeo per numero di viaggi d’affari italiani. Seconda destinazione business è la Germania, seguita poi da Spagna, Belgio e Russia, tutti paesi che nei primi 9 mesi del 2017 hanno registrato un aumento delle trasferte italiane. Unica eccezione il Regno Unito che, probabilmente causa Brexit, ha invece segnato un -1,9% di business travel italiano in entrata.

I dati sono quelli della Business Travel Survey che Uvet ha condotto sulle 700 aziende clienti e che è stata presentata nei giorni scorsi al BizTravel Forum di Milano: “Studiare dove si spostano i business traveller italiani ci permette di indagare in quale direzione si sta muovendo l’economia” afferma Luca Patanè, presidente del Gruppo Uvet. “Dall’andamento dei viaggi d’affari siamo in grado di vedere per esempio che le aziende italiane hanno forti contatti con Francia e Germania e che cresce l’interesse per il Giappone ma diminuisce leggermente quello per il Medio Oriente”.

A livello nazionale, la principale meta di viaggio delle aziende è Milano, che di anno in anno accresce il divario con Roma: Milano assorbe infatti il 35% dei viaggi d’affari con un trend di crescita annuo dell’1%, mentre Roma negli ultimi 12 mesi ha registrato una decrescita, passando dal 31% al 28,5% delle trasferte.

New York si conferma invece il principale hub aeroportuale internazionale per gli italiani che si dirigono negli Stati Uniti (+0,4%), seguita da Dubai, primo hub per chi viaggia in Oriente anche se in calo dell’1%.

Il monitoraggio sui costi sostenuti dalle aziende per i pernottamenti alberghieri ha rilevato che la città più cara d’Italia è ancora Venezia, dove una camera ha un costo medio di 165 euro (+5 euro rispetto ai primi nove mesi del 2016). Al secondo posto Milano, dove le tariffe sono aumentate di 2 euro per un costo medio di 137 euro a notte, e poi Firenze, che cala da 139 euro a 134 ritornando ai livelli del 2015.

La città con gli alberghi più cari d’Europa è Londra, dove una camera arriva a costare 259 euro a notte; mentre a Parigi la tariffa media è di 221 euro. Con 144 euro a notte Madrid è la più economica fra le grandi città del continente, nonostante l’aumento di 15 euro rispetto al 2016. A livello mondiale gli alberghi dove si spende di più sono a New York (317 euro a notte), seguita da Shanghai (237 euro e), Hong Kong (209 euro) e Dubai (194 euro).

Commenta su Facebook

Altro su...

Business travel