L’andamento dell’economia si prevede dai viaggi d’affari: nel 2018 il Pil italiano potrebbe crescere del 2%
A
Nei primi nove mesi del 2017 il numero dei viaggi d’affari intrapresi dalle aziende italiane è aumentato del 10% rispetto allo stesso periodo del 2016, facendo prevedere per il prossimo anno un incremento del prodotto interno lordo nazionale dell’1,7/2,1%. La previsione è dell’Uvet Travel Index, l’indice che consente di stimare l’andamento futuro dell’economia sulla base dei viaggi d’affari e dell’attività economica che generano.

Ideato dal gruppo Uvet e sviluppato da Ambrosetti, l’indice si è rivelato negli anni affidabile nell’anticipare le indicazioni sull’attività economica da tre a sei mesi rispetto ai dati ufficiali Istat, e per la fine del 2017 la stima è che la crescita del Pil sarà dell’1,6%.

Le previsioni dell’Uvet Travel Index sono state presentate ieri a Milano nel corso del Biz Travel Forum organizzato dal gruppo Uvet: “Dopo anni di incertezze e instabilità”, spiega il presidente di Uvet Luca Patanè, “anche l’Italia sembra pronta per tornare a correre, nonostante registri aumenti inferiori agli altri paesi dell’eurozona. La crescita registrata dall’Italia nei primi due trimestri dell’anno ha battuto le stime, attestandosi allo 0,4% sia nel primo che nel secondo trimestre del 2017. Una crescita così forte non si registrava dal quarto trimestre del 2010, cioè 7 anni fa”.

Ma se quest’anno il numero dei viaggi d’affari è aumentato, è invece calata la spesa per sostenerli, dice la Business Travel Survey di Uvet, tanto che nel triennio 2015-2017 le trasferte aziendali sono aumentate del 18%, ma le spese di viaggio correlate solo del 5%. E nell’ultimo anno il costo medio per trasferta è sceso da 210 a 200 euro.

A registrare una flessione sono state sia le tariffe aeree che quelle ferroviarie: negli ultimi nove mesi i prezzi dei biglietti delle principali tratte aeree nazionali sono scesi del 3%, mentre il costo del biglietto ferroviario, pur stabile quest’anno, è diminuito nel triennio di circa l’8%.

Commenta su Facebook

Altro su...

Business travel