Per gli alberghi italiani occupazione camere e fatturati in crescita: in aumento anche le presenze dei visitatori internazionali
A
Periodo positivo per il comparto turistico italiano che, complice l’aumento dei visitatori stranieri, registra il segno più per gli indicatori principali (occupazione delle camere alberghiere e fatturato degli hotel) e la bilancia dei pagamenti in aumento.

A fotografare il settore è la più recente edizione del Barometro del Turismo di Federalberghi, secondo la quale da gennaio a ottobre le presenze negli alberghi italiani sono aumentate del 2,7% rispetto al medesimo periodo del 2016. La buona performance è dovuta soprattutto all’aumento dei visitatori internazionali, che molto probabilmente ai tradizionali motivi di appeal dell’Italia hanno aggiunto la percezione di destinazione più sicura rispetto alle mete competitor. Le presenze degli stranieri hanno fatto un balzo in avanti del 3,5%, percentuale quasi doppia rispetto alla crescita delle presenze italiane, che si attesta a +1,9%.

L’aumento delle presenze si è tradotto per gli alberghi nell’aumento dei tassi di occupazione e del ricavo medio per camere vendute. Confrontando i dati del 2017 con quelli del 2016 l’occupazione è cresciuta del 3% e il ricavo medio giornaliero per camere vendute del 4,8%. Per quanto riguarda il fatturato, nel secondo trimestre dell'anno è aumentato del 6,1% rispetto allo stesso periodo del 2016, considerando i servizi di alloggio e di ristorazione.

Il saldo positivo di presenze e fatturato ha permesso agli alberghi di investire in risorse umane, anche se con modalità contrattuali che indicano ancora margini di incertezza. Da luglio a settembre la percentuale di occupati in hotel è infatti aumentata del 2,5% ma con un’incidenza maggiore (4,3%) del personale con contratti a tempo determinato.

Anche i numeri della spesa turistica sono positivi: nel secondo trimestre dell’anno quella dei visitatori internazionali è arrivata a 10,7 miliardi di euro, il 5,6 % in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Il trend è in crescita anche per la spesa degli italiani all’estero che è stata di 5,6 miliardi (+6,3%). La bilancia dei pagamenti turistici arriva così a un saldo netto positivo di oltre 5 miliardi, con un aumento del 4,8%.

Il Barometro del Turismo rileva anche i comportamenti d’acquisto svelando come la carta di credito sta prendendo sempre più piede tra gli italiani quale strumento di pagamento per i servizi del turismo (+6%): nel solo periodo compreso tra giugno e agosto l’uso della carta per pagare i conti degli alberghi è cresciuto del 7,6% rispetto al 2016.

Commenta su Facebook

Altro su...

Turismo

Federalberghi