Twitter raddoppia: la lunghezza dei messaggi passa da 140 a 280 caratteri, già partita la sperimentazione
A
La sua caratteristica peculiare, quel limite di 140 caratteri per messaggio, era già stata “ammorbidita” l’anno scorso quando dal conteggio erano stati esclusi link e contenuti multimediali, e ora Twitter è pronto ad archiviarla definitivamente estendendo la lunghezza dei tweet a 240 caratteri.

La sperimentazione è già partita, con un gruppo di utenti internazionali che ha già accesso ai tweet extra large, e presumibilmente l’opzione del doppio spazio di scrittura verrà presto resa disponibile a tutti gli iscritti.  

“È un grande passo per noi”, ha detto il fondatore di Twitter Jack Dorsey, finora contrario a privare il sito di microblogging della brevità e velocità che ne caratterizza i contenuti proprio in virtù del limite di lunghezza, originariamente implementato per poter inviare i tweet via SMS (quando Twitter è stato lanciato, nel 2006, non esistevano né smartphone né app).

Ora però i 140 caratteri sembrano essere diventati una costrizione: “riassumere il proprio pensiero in un tweet è faticoso”, si legge sul blog ufficiale del social, “e qualche volta, se è necessario cancellare una parola importante, magari si sceglie di non twittare affatto. Noi vogliamo invece che esprimersi su Twitter diventi facile per tutti”. I nuovi tweet da 240 caratteri saranno resi disponibili in tutte le lingue tranne quelle orientali come cinese, giapponese e coreano, con le quali “è possibile comunicare il doppio delle informazioni in un solo carattere” e il limite di lunghezza è meno rilevante.

La mossa, che è il primo grande cambiamento di Twitter da 11 anni a questa parte, è però da leggere anche come un tentativo di uscire dalla crisi: mentre altri social hanno una crescita esponenziale, il sito di microblogging è fermo a un numero di utenti limitato (328 milioni), aumentato solo del 5% nell’ultimo anno.

Commenta su Facebook

Altro su...

Social media