Web marketing, il futuro è predittivo: l’intelligenza artificiale per inviare il messaggio giusto al momento giusto
A
Consegnare il messaggio giusto al momento giusto affinché sia rilevante per chi lo riceve. È questa la sfida del marketing, che per risultare efficace nel generale affollamento di canali e di contenuti, e per fare breccia nell’altrettanto generale disattenzione degli utenti, deve puntare alla massima personalizzazione, usando i dati per conoscere comportamenti e preferenze dei consumatori.

Tuttavia, ha rilevato uno studio commissionato da Rocket Fuel a Forrester Consulting, la maggior parte dei professionisti del marketing ha difficoltà a organizzare e utilizzare la grande quantità di dati di cui dispone, tanto che il 66% dichiara di non riuscire a dare loro un senso. L’indagine, intitolata The Next Wave of Digital Marketing is Predictive e condotta su quasi 600 decision maker del marketing in 6 diversi paesi, tra cui l’Italia, evidenzia quindi il generale consenso espresso verso le tecnologie predittive basate sull’intelligenza artificiale, che l’82% degli intervistati ritiene diventeranno fondamentali per ottimizzare la gestione dei dati e rimanere al passo con i competitor.

“L’indagine di Forrester è la prova che i brand potranno sopravvivere e crescere solo implementando tecnologie predittive” commenta Enrico Quaroni, regional di Rocket Fuel. “Attualmente solo il 30% dei marketer usa dati proprietari per comprendere i propri clienti e il 63% ha difficoltà nel personalizzare le pubblicità a causa di mancanza di informazioni. Tutto questo deve cambiare se le aziende vogliono raggiungere le persone nel momento esatto in cui sono pronte a rispondere a una pubblicità e consegnare il giusto messaggio in ogni momento del customer journey. In un mondo in cui l’attenzione dei consumatori è scarsa, mentre canali e messaggi sono numerosi, il predictive marketing permette di consegnare su vasta scala pubblicità guidate dall’intelligence”.

Il passaggio alle tecnologie predittive sembra essere imminente per la maggior parte delle aziende: l’86% prevede di aumentare l’utilizzo dell’intelligenza artificiale per migliorare gli insight di marketing nei prossimi 12 mesi, mentre l’80% ha dichiarato che la userà per consegnare contenuti coerenti, ottimizzati e cross-device. L’86% degli intervistati è inoltre convinto che le tecnologie predittive permetteranno di migliorare le capacità di personalizzazione, consentendo un’ottimizzazione creativa del messaggio.

Commenta su Facebook