Turismo internazionale da record: nel 2017 i numeri più alti degli ultimi anni, l’Europa mediterranea traina la crescita
A
Numeri così, dice l’organizzazione mondiale del turismo, non si vedevano dal 2010. Nel primo semestre 2017 il turismo ha registrato infatti tassi di crescita ben oltre la media degli ultimi anni (4%), segnando un +6% degli arrivi internazionali, pari a 598 milioni di persone che nella prima parte dell’anno hanno varcato i propri confini nazionali per recarsi nelle destinazioni di tutto il mondo. Il confronto con lo stesso periodo 2016 evidenzia un incremento, in numeri assoluti, di 36 milioni di viaggiatori.

L’aggiornamento sull’ottimo stato di salute del settore arriva dal barometro periodico dell’UNWTO, l’organizzazione mondiale del turismo, che sottolinea come gli arrivi del primo semestre costituiscano in genere il 46% del totale che si registrerà poi sull’intero anno.

Il dato interessante è la rinnovata crescita turistica in Europa (+8%), e in particolare nell’Europa meridionale e mediterranea, dove gli arrivi sono aumentati del 12%. Il Vecchio Continente ritorna quindi a essere destinazione attrattiva e trainante, ma protagonista della crescita è anche il nord Africa, con un significativo +16%. Numeri che si spiegano, dice l'UNWTO, con il successo di molte destinazioni mediterranee sempre più forti sul mercato, e con la ripresa dei flussi verso paesi come Turchia, Egitto e Tunisia, molto penalizzati negli anni scorsi.

Buone performance anche per le altre macro regioni: il Medio Oriente è a +9%, l’Africa a +8% e la zona dell’Asia-Pacifico a +6%. Relativamente modesto, invece, l’incremento degli arrivi nelle Americhe, fanalino di coda di questo primo semestre con un +3%.

Commenta su Facebook

Altro su...

Turismo