Business travel, aumentano le trasferte ma si riducono i costi: ecco le principali destinazioni dei viaggi d’affari italiani
A
Più viaggi d’affari, ma meno costi per sostenerli. Questo, in sintesi, lo scenario del business travel italiano così come emerge dalla più recente Business Travel Survey di Uvet, aggiornata al primo semestre 2017. Secondo l’indagine in questi primi 6 mesi dell’anno le aziende italiane hanno incrementato il numero delle trasferte dei propri dipendenti del 10%, a fronte però di un aumento dei costi pari solo al 5%. Il trend è in linea con l’andamento degli ultimi tre anni (2015-2017), che ha registrato un incremento del 18% nel numero di viaggi e del 7% delle spese collegate.

Il fenomeno, spiega Uvet, è dovuto alla tendenza al ribasso dei prezzi medi del business travel gestito, i cui costi calano anche rispetto all’andamento generale dei prezzi medi nel settore trasporti. Fra gennaio 2006 e giugno 2017, per esempio, a fronte di un incremento medio dei prezzi nel sistema economico (inflazione) del 21,4%, e del 27,7% nel settore trasporti, il business travel gestito ha registrato una dinamica contraria, e il prezzo medio del servizio si è ridotto del 43,1%.

“Tradotto in numeri”, spiega Luca Patanè, presidente del Gruppo Uvet, “significa che a parità di caratteristiche e condizioni di viaggio, quello che costava 100 euro nel 2006 costa oggi alle aziende 56,90 euro, mentre se avesse seguito la media dei prezzi del settore dei trasporti sarebbe dovuto costare 127,70 euro (il 124% in più). A tutto vantaggio delle imprese, che possono investire in attività di ricerca di nuove opportunità di business, anche a livello internazionale, a prezzi inferiori”.

In particolare, evidenzia l’indagine condotta da Uvet, nell’ultimo anno il numero delle trasferte aeree è aumentato nel mercato domestico e nel mercato europeo, mentre è calato in quello intercontinentale. Il traffico aereo sulle tratte nazionali paga la concorrenza del trasporto ferroviario, che ha causato la riduzione dei prezzi dei biglietti aerei e di conseguenza delle spese di viaggio in relazione al numero di trasferte. I prezzi dei voli intercontinentali, invece, sono aumentati in media di 44 euro rispetto al 2016.

In termini di destinazioni dei viaggi, a livello nazionale Milano è stata la meta principale delle imprese intervistate, i cui dipendenti sono atterrati per il 35% a Linate e Malpensa. Roma è al secondo posto con il 28,4%, in calo però di 3 punti percentuale, Napoli mantiene una quota del 5,3% mentre Bari, Torino, Venezia e Palermo risultano in crescita. A livello europeo la principale destinazione è ancora Parigi, con oltre il 13,2% del totale dei viaggi d’affari che le imprese italiane hanno effettuato in Europa. Londra, Amsterdam e Francoforte sono in calo, mentre Bruxelles e Madrid mostrano valori di crescita. Sul lungo raggio le principali destinazioni si confermano New York (6,2%) e Dubai (4%). Stabili i flussi verso Shanghai e Hong Kong, in calo San Paolo e San Francisco.

Commenta su Facebook

Altro su...

Business travel

Uvet