Facebook sta testando la versione gratuita di Workplace: il social in blu per le aziende sarà più accessibile alle PMI
A
Workplace, la versione di Facebook per le aziende lanciata lo scorso anno per fare concorrenza ai più diffusi tool di messaggistica per team di lavoro quali Slack e Yammer, sta per diventare anche gratuita. La variante free è in fase di test e sarà rilasciata presumibimente a breve con il nome di Workplace Standard, mentre l’attuale versione a pagamento sarà ribattezzata Workplace Premium.

Workplace funziona esattamente come Facebook, ma invece di collegare gli utenti ad amici e parenti li connette con i colleghi, assumento la forma di una piattaforma di comunicazione interaziendale. Rispetto ai competitor è di utilizzo immediato perché ha la medesima grafica e le stesse funzioni di Facebook – permette per esempio di caricare immagini, trasmettere video in diretta, partecipare a videoconferenze e attivare chat di gruppo – e il rischio di mischiare contenuti privati e aziendali non esiste perché gli account per Facebook e Workplace sono differenti, anche se possono essere collegati per accedere a entrambi contemporaneamente.

La mossa di renderla gratuita è probabilmente dovuta a un riscontro inferiore alle attese, anche perché molte aziende non hanno un reale bisogno di tutte le funzionalità di Workplace. Per ampliarne la diffusione soprattutto tra le piccole e medie imprese Facebook ha quindi lavorato su una versione più semplice e senza costi di abbonamento. Workplace Standard sarà infatti priva di alcuni strumenti di controllo e analisi, così come della possibilità di integrazione con i servizi di terze parti.

È facile intuire che uno degli obiettivi di Facebook, oltre a quello di tenere alta l’attenzione sui propri prodotti, sia quello di far testare gratuitamente alle aziende i servizi di Workplace Standard per condurle all’acquisto della versione premium.

Commenta su Facebook

Altro su...

Social media

Aziende