G7 in Italia: la gara da 10,5 milioni per gli eventi va a tre raggruppamenti, capofila Triumph, Pomilio Blumm e Over Seas
A
Sono tre gli RTI (cioè i raggruppamenti temporanei d’impresa) che si sono aggiudicati il secondo lotto della gara aperta dal governo per l’organizzazione degli eventi del G7 di quest'anno. La gara, aperta a settembre dell’anno scorso, era suddivisa in 4 lotti di cui il secondo, del valore di 10,5 milioni di euro, riguarda i servizi di progettazione, organizzazione, allestimento e gestione “chiavi in mano” degli eventi ministeriali e di altri eventi politici connessi all’anno di presidenza italiana del G7.

Gli aggiudicatari sono i raggruppamenti composti da Triumph ltaly con La Torre, Pomilio Blumm con Piaceri d'Italia e Over Seas con Holding Digital Relations Advertising.

A inizio febbraio Consip, la centrale acquisti della pubblica amministrazione titolare del bando di gara, aveva assegnato a My Ego e al raggruppamento AB Comunicazioni con Spazio Eventi il terzo lotto, del valore di 1,8 milioni di euro, relativo all'organizzazione delle 11 riunioni tecniche che si svolgeranno fuori Taormina, in 9 diverse città italiane. Il primo lotto, 600mila euro per i servizi di registrazione, accreditamento e controllo accessi era invece stato assegnato a gennaio a Schema31.

Non è ancora stato assegnato il primo lotto, quello relativo all’organizzazione del Vertice dei Capi di Stato e di Governo che si svolgerà il 26 e 27 maggio a Taormina. Il valore a bando di gara è di 12,4 milioni di euro, ma sembra che l’assegnazione ritardi perché sono ancora in corso controlli sulle imprese ammesse a partecipare. L’elenco delle imprese ammesse è stato pubblicato da Consip lo scorso novembre ed è consultabile a questo link.

Commenta su Facebook