Le aziende italiane dove si lavora meglio: 4 i punti di forza che le accomunano
A
È Hilton la grande azienda che offre il migliore ambiente di lavoro in Italia. La catena alberghiera condivide il primato con Cysco Systems e Cadence Design Systems, prime, rispettivamente, fra le medie e piccole imprese. A dirlo sono i dipendenti stessi, i cui giudizi pesano per i due terzi sui punteggi attribuiti da Great Place to Work, la società di consulenza che ogni anno analizza, insieme ai modelli organizzativi e alle politiche di gestione delle risorse umane, anche la percezione che i lavoratori hanno delle proprie aziende per stilare la classifica dei migliori ambienti di lavoro italiani.

Cosa accomuna le aziende dove si lavora meglio
Le aziende dove si lavora meglio, sostiene Great Place to Work, sono accomunate da quattro caratteristiche: riconoscono il merito di chi lavora bene, stimolano i manager a supportare i dipendenti e a instaurare con loro un rapporto di fiducia, incentivano i rapporti di collaborazione fra colleghi e si dotano di politiche di welfare aziendale che erogano benefit (formazione, assicurazioni, servizi per figli e famiglia, opportunità di carriera) ma, soprattutto, che puntano ad armonizzare i tempi di vita e lavoro concedendo ai dipendenti formule di lavoro flessibile.

I nomi di eccellenza nella gestione delle risorse umane
Primo fra le grandi aziende (con più di 500 dipendenti) è dunque il gruppo alberghiero Hilton, che è salito di quattro posizioni rispetto all’anno scorso. Al secondo posto ConTe.it, compagnia di assicurazioni del gruppo britannico Admiral e al terzo American Express, seguita dal recruiter Adecco e dal retailer francese Kiabi. Fra le imprese di medie dimensioni (da 50 a 499 dipendenti) il primo posto come detto va a Cysco Systems, seguita dal brand di biotecnologie Amgen, dall’italiana Vetrya, che opera nei servizi digitali, e poi dal produttore di tessuti sintetici W.L. Gore e Associati e dal gruppo alimentare Mars. Il gruppo delle piccole aziende (con meno di 50 dipendenti) è invece capitanato dalla società americana di servizi informatici Cadence Design Systems, cui fanno seguito Volvo Servizi Finanziari, la società di formazione e consulenza sulle risorse umane ETAss e poi il consulente ingegneristico italiano Kalpa e la società di recruitment Aegis HR Human Consulting Group.

I dipendenti soddisfatti sono più orientati al cliente
I risultati indicano non a caso livelli di eccellenza nella gestione delle risorse umane soprattutto fra le aziende di servizi il cui core business implica il contatto diretto con i clienti (è ciò che succede nell’hotellerie, ma anche nelle assicurazioni, nelle società di recruitment, nella consulenza e così via): la soddisfazione e motivazione dei dipendenti si riflette positivamente nel rapporto con il cliente, a tutto vantaggio del business aziendale.

Un ambiente di lavoro positivo migliora le performance dell’azienda
Il report di Great Place to Work è basato quest’anno sull’analisi di 60mila questionari compilati dai dipendenti di 122 aziende (i ranking italiani completi sono consultabili a questo link). “L’indagine conferma lo stretto legame fra la qualità dell’ambiente di lavoro e la crescita del business aziendale” sottolinea l’amministratore delegato di Great Place to Work Italia Alessandro Zollo. “Mentre le 45 aziende dove si lavora meglio sono cresciute del 12,61%, il dato Istat nazionale è fermo al 2,28%. Quest’anno ci siamo inoltre focalizzati sugli spazi di lavoro, rilevando che chi investe su uffici moderni, flessibili e innovativi ha un diretto ritorno sul clima e di conseguenza sulla produttività delle persone”.

Commenta su Facebook