Il Governo approva in via definitiva il Piano strategico del turismo, ora il documento diventa strumento operativo
A
È stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il Piano strategico del turismo 2017-2022, documento programmatico con cui il Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo fornisce le linee di indirizzo per lo sviluppo del settore nei prossimi anni. Dopo un iter cominciato prima nell’estate 2016 che ne ha visto l’approvazione da parte di tutte le istituzioni coinvolte, il Piano diventa ora a tutti gli effetti lo strumento dal quale discenderanno le azioni operative e i provvedimenti per il settore.

Il documento è frutto non solo di un confronto istituzionale – fra Ministeri, Regioni, Anci, sindacati, associazioni di categoria – ma anche di un processo di partecipazione che ha coinvolto gli operatori in due edizioni degli Stati Generali del Turismo (ottobre 2015 e aprile 2016) e attraverso un sito web e canali social dedicati e che lo ha reso rappresentativo di una visione del turismo condivisa a tutti i livelli.

Quattro le priorità indicate dal Piano per valorizzare il turismo italiano – la diversificazione dell’offerta, l’innovazione nel marketing del brand Italia, l’accrescimento della competitività e il miglioramento della governance del settore – da perseguire attraverso 13 obiettivi specifici e 52 linee di intervento che si focalizzano su una molteplicità di temi, fra cui rivoluzione digitale, adeguamento della rete infrastrutturale, riduzione degli oneri burocratici e fiscali, miglioramento della quantità e qualità dell’occupazione e semplificazione del sistema normativo.

Commenta su Facebook

Altro su...

Turismo