Gli italiani comprano con lo smartphone ma solo il 14% delle imprese ha una strategia di vendita dedicata al mobile
A
Aumentano gli italiani che utilizzano la smartphone per entrare in contatto con i brand e fare acquisti, ma le imprese sembrano non essere ancora pienamente consapevoli di quanto gli investimenti nel mobile marketing siano ormai indispensabili per essere competitivi sul mercato.

Secondo l’Osservatorio Mobile B2C Strategy del Politecnico di Milano sono più di 25 milioni gli italiani che ogni mese si connettono a internet via smartphone, dispositivo così pervasivo che nel 2016 gli utenti vi hanno trascorso più del 60% del loro tempo online. Lo smartphone è utilizzato per comunicare e in maniera crescente per fare shopping: l’80% degli utenti se ne è servito per relazionarsi con i marchi preferiti e maturare la decisione d'acquisto, e il 34% per finalizzare gli acquisti. Un dato percentuale indica, da solo, l’ampiezza del fenomeno: lo scorso anno il 17% della spesa globale in ecommerce è stata effettuata da smarthone, generando transazioni per un valore di 3,3 miliardi di euro, il triplo di soli due anni fa.

Le aziende italiane sembrano però non aver compreso appieno la portata del fenomeno. Secondo l’Osservatorio gli investimenti pubblicitari su mobile, pur se in aumento del 53%, valgono ancora "solo" 715 milioni di euro, il 30% del totale dell’internet advertising. Non solo: è vero che la quasi totalità delle 170 aziende interpellate dispone dei canali digitali idonei alla fruizione da mobile, ma il 21% non ha ancora elaborato una vera e propria strategia mobile e solo il 14% ha una strategia commerciale strutturata espressamente per il mobile. E passi in avanti devono essere fatti anche sul fronte delle applicazioni: solo il 14% delle aziende possiede una app "strategica", costruita cioè avendo individuato quali obiettivi deve avere e quali bisogni deve soddisfare.

Commenta su Facebook