Italia prima in Europa per numero di imprese, la Lombardia seconda regione dopo Parigi
A
La crisi non ha modificato le caratteristiche del sistema produttivo italiano. Prosegue infatti il trend che da più di un decennio fa dell’Italia il paese europeo con il tessuto imprenditoriale più ricco, pur se composto prevalentemente da piccole e medie imprese spesso a gestione familiare.

A rilevare il primato dell’Italia è la classifica elaborata dalla Camera di Commercio di Milano sulla base dei dati Eurostat 2016, che hanno confrontato il numero di imprese di settori considerati omogenei di 26 stati membri dell’Unione Europea. Con oltre 3,7 milioni di imprese l’Italia supera la Francia, seconda con 3,6 milioni, e stacca di gran lunga la Spagna, terza con 2,6 milioni di aziende. Il Regno Unito è quarto con 2 milioni e la Germania sesta (dopo la Polonia) con 1,4 milioni di imprese. In coda alla classifica Lussemburgo e Malta, con 33mila e 23mila imprese.

La ricerca della Camera di Commercio ha considerato la dimensione imprenditorale anche a livello regionale: con oltre 970mila aziende dei settori turismo, finanza, commercio e industria manifatturiera ad aggiudicarsi il titolo di regione motore d’Europa è la francese Ile de France-Parigi, che da sola genera circa un quarto del prodotto interno lordo nazionale. La Lombardia, con oltre 688mila imprese, si deve accontentare del secondo posto, togliendosi però la soddisfazione di condividere con Parigi la percentuale di concentrazione di imprese per abitante. Sia nell’Ile de France sia in Lombardia ci sono 8 imprenditori ogni 100 abitanti, cioè quasi un’impresa ogni dieci residenti.

Le successive posizioni della classifica confermano il periodo positivo che sta vivendo l’economia spagnola: dal terzo al sesto posto si piazzano infatti la Catalogna con il suo capoluogo Barcellona, l’Andalusia-Siviglia e la regione di Madrid. Per trovare un’altra regione italiana si deve scendere alla decima posizione, dove il Piemonte con circa 283mila imprese supera le regioni tedesche della Baviera-Monaco e del Baden-Württemberg-Stoccarda.

Commenta su Facebook