Business travel, con la gamification le spese di viaggio si possono ridurre del 15%
A
Le attività di gamification possono contribuire a ridurre le spese per i viaggi d'affari: grazie all'utilizzo di tecniche e dinamiche di gioco, infatti, le aziende possono mettere in competizione fra loro i dipendenti sul tema dell'osservanza della travel policy, nodo cruciale per contenere i costi di viaggio.

Secondo lo studio Behavior Management: a new way to think about an old problem di Carlson Wagonlit Travel, una più conforme applicazione delle policy di viaggio da parte dei dipendenti consentirebbe infatti alle imprese di ridurre la spesa di viaggio sino al 15%. La sfida però non è facile perché, come fa notare la responsabile di CWT Solutions Group Americas Katie Raddatz, “I responsabili viaggio aziendali dedicano molto tempo e risorse per negoziare con i fornitori i migliori accordi per contenere i costi, ma spesso i dipendenti pensano che la travel policy non li riguardi o, più semplicemente, non la conoscono in modo approfondito”.

Per motivare i dipendenti al rispetto della travel policy Carlson Wagonlit Travel ha sviluppato Traveler 360, un metodo di engagement che prende in esame l’intero ciclo dei viaggio e che si sviluppa in 4 fasi. La prima fase consiste nell’analizzare i potenziali risparmi sulla base della segmentazione dei viaggiatori per individuare gli aspetti delle trasferte non conformi alla policy. La seconda fase prevede di stilare le classifiche dei dipendenti che viaggiano e delle divisioni aziendali coinvolte nell’organizzazione delle trasferte, con punteggi legati all’osservanza della policy.

La terza fase è quella del coinvolgimento: le classifiche, arricchite di report personalizzati, sono inviate ai dipendenti ma anche ai loro, manager che in questo modo dispongono di informazioni precise per confrontarsi con loro sui comportamenti d’acquisto. La quarta e ultima fase di Traveler 360 è quella decisiva della gamification, con la quale i viaggiatori sono incentivati a rispettare la policy facendo leva sul gioco e sulla competizione.

Commenta su Facebook