Nel prossimo semestre incoming in crescita, ecco i principali paesi di provenienza dei flussi turistici
A
Nei prossimi 6 mesi gli arrivi internazionali in Italia sono destinati ad aumentare rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con la Germania che si conferma il principale paese di provenienza dei flussi, seguito dalla Francia e dal Giappone. A contribuire al buon andamento saranno anche gli arrivi dovuti al turismo d’affari, mentre quelli per partecipare a congressi e convegni rimarranno stabili.

Guardando all’incoming europeo, flussi in crescita sono attesi da Svezia, Norvegia, Danimarca e Olanda. I paesi dei Nord continueranno infatti a essere importanti mercati di riferimento insieme a quelli di Spagna, Belgio e Lussemburgo. Segnali positivi arrivano anche dai "mercati di nicchia" di Romania, Ungheria e Polonia e, soprattutto, dal mercato russo, in ripresa dopo la fine dell’embargo.

Per quanto riguarda gli arrivi extraeuropei, ad aumentare saranno quelli del Sud America, con Brasile e Argentina in testa, della Cina, della Corea e del Sudafrica. In salita anche il numero di viaggiatori provenienti da uno dei più importanti mercati big spender, quello cioè degli Emirati Arabi. Tra i paesi emissori in crescita i grandi assenti sono gli Stati Uniti e il Regno Unito i cui flussi nel prossimo semestre rimarranno stabili per la situazione politica non ancora ben definita di entrambi.

Le stime previsionali arrivano dall'indagine congiunturale condotta dal Ciset (Centro Internazionale di Studi sull’Economia Turistica) coinvolgendo gli operatori della filiera turistica. Secondo la ricerca, gli arrivi dall'estero nel prossimo semestre aumenteranno dell’1%, incremento contenuto ma che conferma il trend positivo iniziato nella stagione estiva, quando le imprese turistiche hanno conseguito risultati superiori alle aspettative.

A rafforzare l’appeal dell’Italia, ha rilevato l'indagine, sono l’aumento della qualità della sua offerta turistica e l’essere percepita come una destinazione sicura, elementi nuovi che vanno ad aggiungersi all’attrattività del suo patrimonio storico, artistico e naturalistico. Le destinazioni più gettonate dagli stranieri saranno le isole e le regioni del Nord Italia.

Commenta su Facebook