Gamification, il 65% delle aziende la usa negli eventi: come si aumenta l’engagement dei partecipanti secondo Powervote
A
È definita come la tecnica che utilizza elementi propri del gioco per applicarli a contesti non ludici allo scopo di creare coinvolgimento, competizione e motivazione delle persone nei contesti più diversi, fra cui naturalmente gli eventi. E secondo Powervote, che produce app per eventi focalizzate sul coinvolgimento e che ha una storia ventennale nel “settore” dell’engagement, il 65% delle aziende usa oggi un qualche elemento di gamification nei propri eventi.

Alla diffusione della tecnica e dei suoi strumenti ha contribuito in maniera esponenziale lo smartphone, dispositivo ormai quasi universale e preziosa risorsa per l’engagement: vi si scattano foto dell’evento da condividere sui social, si usa per partecipare a quiz online e accumulare punti o per leggere i QR code sul badge dei partecipanti con cui fare networking.

Ecco, secondo Powervote, 5 modi con cui gli organizzatori di eventi possono, attraverso la app dell’evento, sfruttare le tecniche della gamification per aumentare il coinvolgimento attivo dei partecipanti.

Organizzare competizioni fra i partecipanti, tenendoli aggiornati con una classifica in tempo reale.

• Incoraggiare il networking, assegnando a ogni partecipante punti bonus ogni volta che interagisce con un altro delegato.

Proporre quiz dedicati nei momenti chiave dell’evento, per tenere alte l’attenzione e la partecipazione.

• Chiedere ai partecipanti un’opinione su un qualunque aspetto dell’evento: chi risponde guadagna punti e intanto l’organizzatore guadagna un feedback “spontaneo” e in tempo reale.

• Stimolare i delegati alla condivisione sui social di foto, tweet o post attraverso una dinamica di gioco per ampliare il reach e potenziare il marketing dell’evento.

Commenta su Facebook

Altro su...

Event management