L’80% degli italiani che viaggia prenota online, aumentano recensioni e condivisioni dell'esperienza: il passaparola è digitale
A
I turisti italiani sono sempre più connessi e digitali, il passaparola si è spostato online e lo smartphone sta diventando il principale alleato della decisione di partire. Lo dicono i dati dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo del Politecnico di Milano, che sarà presentato nella sua interezza, completo anche di una sezione che indaga il ruolo del digitale nel business travel, a TTG Incontri, la fiera B2B del turismo in programma a Rimini Fiera dal 13 al 15 ottobre.

L’indagine dell’Osservatorio relativa ai viaggi brevi conferma che internet ha raggiunto un elevato livello di pervasività: l’84% degli italiani prenota online, l’83% effettua ricerche sul web e il 67% usa internet per trovare idee di viaggio. In aumento anche l’attività online dopo il viaggio, con il 39% dei turisti che risponde alle sollecitazioni commerciali degli operatori, il 37% che scrive recensioni e il 34% che condivide la propria esperienza sui canali digitali.

Emerge chiaramente dai dati che a influenzare la decisione di acquisto del viaggio sono soprattutto le recensioni e i commenti letti online, cui fa riferimento il 48% dei viaggiatori intervistati, contro il “solo” 40% che si affida ai consigli ricevuti di persona dalla rete di amici e conoscenti. Il vecchio passaparola mantiene quindi un ruolo di primo piano, ma si trasferisce gradualmente sui canali digitali.

Internet è ormai dominante nella prenotazione dei principali servizi di viaggio prima della partenza, indica l’Osservatorio. A prenotarli è il 92% dei turisti, e l’81% lo fa online. I canali più utilizzati per la ricerca di informazioni sulla base delle quali organizzare il viaggio sono i motori di ricerca (45%), seguiti dai siti di prenotazione e comparazione di alloggi e mezzi di trasporto (34%), dai siti di recensioni (31%) e dai siti di alloggio (19%). E prima della partenza gli italiani acquistano sul web, oltre a trasporti e accommodation, anche attività culturali e tour guidati (13%), attività di relax (13%) e ristoranti (12%).

Commenta su Facebook