Mobilità sostenibile, le aziende si sfidano con l’iniziativa Love to Ride: vince chi ha più dipendenti che vanno al lavoro in bici
A
È una competizione amichevole fra aziende, che si sfidano con l’obiettivo di promuovere, fra i propri dipendenti, l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto ecologico, salutare e sostenibile. Si chiama Bike Challenge ed è parte del programma internazionale Love to Ride, che in Italia è coordinato dalla FIAB, la federazione degli amici della bicicletta.

La partecipazione è gratuita e a vincere saranno le aziende che, nel periodo fra il 16 settembre e il 31 ottobre, saranno riuscite a “mettere in sella”, anche per soli 10 minuti, il maggior numero di dipendenti. La gara è organizzata a livello locale a Milano, Roma e Torino, ma tutte le aziende italiane possono partecipare ed essere inserite nella classifica nazionale.

Quando un’azienda si iscrive sul sito Love to Ride viene creata una sezione dedicata dove compaiono tutti i singoli partecipanti che all'atto dell'iscrizione indicano di farne parte. L'insieme dei partecipanti di una stessa organizzazione costituisce il team dell'azienda, e se l’azienda è molto grande si possono costituire più team che possono competere tra loro. La sezione dedicata permette di visualizzare le attività dei singoli componenti del team e i risultati complessivi del team, e permette ai partecipanti di interagire tra loro.

Le aziende sono suddivise in 6 categore in base al numero dei dipendenti: i singoli partecipanti registrati devono tracciare le proprie pedalate in bici sulla app di Love to Ride (per iOS e Android) oppure inserirne manualmente i dati sul sito. In palio ci sono soggiorni in agriturismi e alberghi di tutta Italia affiliati al circuito Albergabici, ma anche viaggi internazionali offerti dai partner dell'associazione promotrice.

A Milano si sono già iscritte 69 aziende, a Torino 63 e a Roma 32. A livello nazionale il Bike Challenge Italia ha già raggiunto le 230 aziende iscritte, per un totale di più di 1.700 persone in gara.

Commenta su Facebook