Sul web il prezzo del viaggio aumenta quando l’utente è interessato: come difendersi dalle tariffe non trasparenti
A
Da cosa dipendono i prezzi di voli, alberghi e pacchetti viaggio venduti online? In parte dalll’anticipo con cui si prenota, dalla stagione e dalla disponibilità di posti, ma in parte anche dal comportamento online di chi acquista, che viene profilato con cookies e strumenti di web analytics per determinarne il grado di interesse verso uno specifico prodotto e confezionare così un prezzo “su misura”: più alto è l’interesse, più alto risulterà il prezzo.

Si chiama "dynamic pricing" e a spiegare come funziona è Federprivacy. La tecnica consente di variare i prezzi in base non solo agli algoritmi che tengono conto della domanda e dell'offerta, ma anche alle informazioni sui comportamenti web e social degli utenti, che possono vedersi proporre prezzi più alti di quelli standard: per esempio, un utente reputato molto interessato a un certo volo aereo (perché lo ha ricercato più volte), può visualizzare un prezzo più alto anche del 30% rispetto a un altro utente che ricerca lo stesso viaggio, sullo stesso sito e nello stesso momento. Secondo Federprivacy, il rischio è che gli utenti, una volta capito il trucco, perdano fiducia, con ripercussioni negative per l’intero mercato online.

La questione, riferisce Federprivacy, è stata recentemente oggetto di un'interrogazione parlamentare in sede UE: la Commissione ha risposto che il nuovo Regolamento europeo consente questo genere di profilazione degli utenti solo con il loro esplicito consenso e che in certi casi le pratiche tariffarie dinamiche sul web possono essere ritenute sleali: in Italia l'Antitrust può comminare multe fino a 5 milioni di euro e il Garante per la privacy fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato dei contravventori.

"Per difendersi dalle pratiche tariffarie dinamiche ingannevoli e non pagare più del dovuto”, afferma il presidente di Federprivacy Nicola Bernardi, “occorre adottare comprtamenti di protezione della privacy online: per esempio, cancellare spesso la cronologia di navigazione del browser, bloccare il consenso all'utilizzo dei cookies di terza parte e installare software di navigazione anonima".

Commenta su Facebook