Le regioni italiane su Facebook: a Toscana e Sicilia il primato dei fan, il Trentino genera più engagement
A
È Visit Tuscany, la pagina di promozione turistica della Toscana, quella che registra il maggior numero di like su Facebook, con un totale di 389mila fan: nonostante per diversi mesi la pagina sia stata ferma (le attività sono riprese a luglio), il posizionamento social sembra non averne risentito, vista la distanza che la separa dalla Sicilia, seconda classificata con quasi 297mila fan della pagina Visit Sicily. Terzo per dimensione della community è l’Alto Adige, con 188mila like, e quarto il Trentino, la cui pagina Visit Trentino ha registrato fra maggio e giugno un incremento del 3,1% del numero di fan raggiungendo quota 167mila e battendo Visit Veneto, che è quinta con 162mila fan.

La fotografia dell’attività su Facebook delle regioni italiane in ambito di promozione turistica arriva dal Tourism Social Report dello Studio Giaccardi & Associati, che tutti i mesi analizza le performance delle attività social delle regioni e il tasso di enagement degli utenti. L’efficacia della presenza sul socila in blu è misurata attraverso 3 paramentri principali: la dimensione della community di riferimento (il numero di fan), le interazioni generate (cioè l’engagement degli utenti) e il livello di social care, cioè il numero di post degli utenti che hanno ricevuto un’interazione di risposta da parte della pagina.

L’incremento delle community
Le migliori performance in termini di ampliamento della community sono quelle della pagina Marche Tourism, i cui fan sono aumentati fra maggio e giugno dell’8,4% (per un totale di 116mila), e Umbria Tourism, che pur posizionata in fondo alla classifica (al 17° posto su 20), cresce del 4,6% e raggiunge i 20mila fan, facendo prevedere che entro fine anno possa raggiungere la soglia dei 30mila like. La performance peggiore (e l’unica in negativo) è quella di InCampania Turismo, che con una pagina ferma da mesi registra un decremento degli oltre 6.400 fan.

Le pagine che generano più interazioni degli utenti
Sul fronte delle interazioni (con Visit Tuscany fuori gioco perché nelle rilevazioni di giugno la pagina risultava ferma) il risultato migliore è quello del Trentino, che riesce a generare una media di 3mila interazioni giornaliere (reazioni, commenti, condivisioni) con circa 3 post al giorno. Al secondo posto c’è Visit Veneto con 2.900 interazioni: risultato molto buono considerato che pubblica solo 1,8 post al giorno. Terza la Liguria, con quasi 2.500 interazioni, ma con 5,6 post pubblicati. Ciò significa che ogni post della pagina ligure ha generato poco più di 440 interazioni, meno della metà di quelle generate dai post del Trentino e del Veneto. Scende Marche Tourism, la 
cui  pagina passa dal terzo posto di maggio all’ottavo di giugno: un calo del 33,87% di reazioni, commenti e condivisioni nonostante i 3,2 post pubblicati al giorno. L’Alto Adige fa invece un balzo in avanti con un +227% di interazioni, per una media di 2,4 post al giorno (significa più di 1.000 reazioni per post). Performance positive anche per la pagina Basilicata Turistica (+46%) e per il Piemonte, che però, nonostante un +43%, continua a restare in quartultima posizione.

La capacità di reazione e i tempi di risposta agli utenti
Il primo posto in tema di social care va a Visit Abruzzo, che risponde (con un like, un commento o una risposta) al 96% dei post dei propri fan. Secondo l’Alto Adige, che interagisce con il 74% dei post e terza la pagina Visit Sardinia con un tasso del 64%. Crollano agli ultimi posti WeAreinPuglia, Visit Lazio e Umbria Tourism, che nel mese di giugno hanno risposto soltanto al 5,6%, 2,6% e 2,4% degli utenti rispettivamente. Anche se poi la Puglia è prima per tempi di risposta, con soli 10 minuti di media, seguita dall’Abruzzo, che in 20 minuti risponde alla quasi totalità dei commenti che riceve, e l’Umbria, che risponde poco ma quando lo fa è sempre entro 20 minuti. La peggiore performance nei tempi di risposta è di Marche Tourism, che ha giugno ha registrato una media di 143 ore.

Commenta su Facebook

Altro su...

Social media