Nasce growITup, progetto collaborativo fra startup e aziende per accelerare la trasformazione digitale del made in Italy
A
Far collaborare le startup più innovative con le grandi aziende del made in Italy per sostenere lo sviluppo delle imprese più giovani e, contempraneamente, accelerare il processo di trasformazione digitale dell’industria italiana.

È con questo obiettivo che Microsoft e Fondazione Cariplo hanno lanciato growITup, il progetto da 10milioni di euro in 3 anni realizzato in partnership con un nutrito parterre di aziende costituito da Alpitour, Barilla, Enel, Generali, l’Innovation Center di Intesa Sanpaolo, New Holland Agriculture, Technogym, Accenture, Avanade e Hewlett Packard Enterprise, Quadrivio, Invitalia Ventures, Assolombarda e con le Business School del Politecnico di Milano e dell’Università Luiss.

GrowITup, ha detto il CEO di Microsoft Satya Nadella, è un nuovo modello di accelerazione che sfrutta un network collaborativo di imprenditori, venture capitalist, incubatori, acceleratori di impresa e scuole di business mettendo a disposizione strumenti tecnologici, competenze, attività di formazione e di mentorship.

A poter accedere alla selezione per partecipare al progetto sono le startup il cui core business consiste nel fornire servizi per la digitalizzazione specificatamente dei 7 settori di eccellenza del made in Italy, e cioè food, moda e design, energia, servizi finanziari, turismo e intrattenimento, salute e benessere, manifattura.

L’acceleratore di innovazione, che nelle intenzioni dei promotori catalizzare investimenti italiani ed esteri verso le startup nostrane pari a un miliardo di euro entro il 2020, sarà guidato da Anders Nilsson, già direttore innovazione di Microsoft Italia e da Enrico Noseda, in precedenza responsabile delle partnership di Skype a livello globale. Il progetto avrà sede al Base Milano, la location nata dal recupero dell'ex stabilimento Ansaldo oggi sede della CariploFactory dove le startup selezionate troveranno un luogo di formazione e incontro che permetterà loro di ampliare competenze e opportunità di business.

Commenta su Facebook

Altro su...

Aziende

Web e digital