Osservatorio dei congressi e degli eventi: il 18 luglio a Roma la presentazione della seconda edizione
A
Racconterà il mercato italiano degli eventi e dei congressi – identificandone committenti, numeri, dimensioni, sedi, tipologia e provenienza dei partecipanti – con l’obiettivo di tracciare l’identikit del settore per fornire indicazioni di mercato agli operatori e informazioni statistiche affidabili alle istituzioni. La nuova edizione dell’Osservatorio Italiano dei Congressi e degli Eventi (OICE), relativa all’attività 2015, sarà presentata il prossimo 18 luglio a Roma.

A promuovere lo studio è Federcongressi&eventi che, come lo scorso anno, ne ha affidato la realizzazione all'Alta Scuola in Economia e Relazioni Internazionali (Aseri) dell’Università Cattolica. La raccolta dei dati è avvenuta tramite un questionario online che l’Aseri ha distribuito a circa 6mila sedi per eventi italiane, fra cui alberghi, centri congressi, dimore storiche e location di diverse tipologie.

La sede e il programma della presentazione non sono ancora stati resi noti, e sui dati vige il più assoluto riserbo. “L’obiettivo che ci siamo prefissati e che stiamo perseguendo è duplice”, anticipa Mario Buscema, presidente di Federcongressi&eventi. “Attraverso l’Osservatorio vogliamo presentare alle istituzioni i numeri di un settore industriale decisivo per lo sviluppo economico del paese ma ancora poco valorizzato e, contemporaneamente, offrire a chi opera nel comparto uno strumento utile per elaborare efficaci azioni di promo-commercializzazione. In quest’ottica, l’edizione del 2015 si rivela particolarmente utile perché, raffrontata con quella dello scorso anno, permette di individuare i trend del mercato in base ai quali affinare le strategie di marketing”.

Commenta su Facebook