Utili in crescita per Rimini Fiera: con 41 manifestazioni e 141 congressi il fatturato del gruppo è salito a 75 milioni di euro
A
Numeri positivi per il Gruppo Rimini Fiera: il consiglio di amministrazione ha approvato ieri il bilancio 2015, consolidato a 74,9 milioni di euro di fatturato (+10,1% rispetto al 2014), con un margine operativo lordo di 12 milioni di euro, stabile nonostante l’annualità “dispari” senza le due fiere Tecnargilla e IBE, e un utile netto di 3,7 milioni di euro, in aumento dell’8,8% rispetto ai 3,4 milioni dell’esercizio 2014. In particolare, la capogruppo Rimini Fiera SpA ha registrato un fatturato di 58,4 milioni di euro (+3,5%), un margine operativo lordo di 11,4 milioni e un utile netto di 3,9 milioni di euro (+25,8%).

Nel quartiere fieristico di Rimini si sono svolte l’anno scorso 41 manifestazioni, mentre il Palacongressi ha ospitato 141 eventi di diversa tipologia: complessivamente, l’attività di Rimini Fiera ha generato sul territorio più di 2 milioni di presenze lungo tutto l’arco dell’anno.

Il trend generale è stato all’insegna di una crescita, sia sotto il profilo delle fiere in calendario sia in termini di crescita dell’attività congressuale, che sarà perseguita anche nel prossimo trienno attraverso 3 direttrici: il consolidamento delle manifestazioni storiche e la gemmazione, da queste, di start up funzionali al mercato, l’ideazione di nuovi prodotti, come la nuova fiera Music Inside Rimini dedicata alle tecnologie per la spettacolarizzazione degli eventi che debutterà a maggio, e l’espansione a livello internazionale.

Commenta su Facebook

Altro su...

Rimini Fiera