La fiducia degli italiani cresce e raggiunge il valore più alto dal 2011, torna la voglia di spendere per viaggiare
A
Il periodo più buio della crisi sembra essere alle spalle. Negli ultimi tre mesi dell’anno l’indice di fiducia degli italiani è cresciuto di 4 punti rispetto al trimestre precedente e di 10 punti se confrontato con il medesimo periodo del 2014. Il salto in avanti porta l’indice a quota 57, il valore più alto dal 2011.

L’ottimismo che emerge dalla Global Consumer Confidence Survey condotta da Nielsen su un campione di 30mila persone in 60 paesi, tra i quali l’Italia, è supportato dai numeri. Secondo la ricerca, confrontando il quarto trimestre di quest’anno con quello dell’anno scorso sono diminuiti di 7 punti percentuale, dal 96% all’89%, gli italiani che ritengono in crisi il paese, così come sono scesi di 4 punti, dal 60 al 56%, quelli che pensano che la recessione durerà ancora per un anno.

Aumentano invece di 6 punti gli italiani sereni sul fronte dello stato delle finanze personali e di quello della posizione lavorativa. Il 21% degli italiani ritiene buono il proprio conto in banca e il 13% è soddisfatto del proprio impiego.

E il ritorno della fiducia stimola gli acquisti: a fronte di un 40% propenso ad accantonare il denaro rimasto dopo aver fatto le spese essenziali, non manca chi si concede qualche soddisfazione tanto che, come dice l’amministratore delegato di Nielsen Italia Giovanni Fantasia, “Le vendite dei beni di largo consumo hanno riscontrato un incremento dell’1,5% nei primi 8 mesi del 2015”.

Oltre a regalarsi nuovi vestiti, gratificazione scelta dal 29%, gli italiani si premiano con gli svaghi fuori casa, 20%, e, soprattutto, con i viaggi, opzione di spesa condivisa dal 26%.

Il sentiment positivo che si respira in Italia è diffuso in tutto il mondo. A livello globale l’indice della fiducia rispetto al trimestre precedente è aumentato del 3% arrivando a quota 99, la più alta dal 2006. Rimanendo nei confini europei la crescita di 2 punti ha portato l’indice a quota 81, la più elevata dal 2008.

Commenta su Facebook

Altro su...

Studi e ricerche