Amazon apre il “negozio” Made in Italy: la produzione artigianale italiana si apre a 285 milioni di clienti potenziali
A
Per molte imprese artigiane potrebbe essere l’opportunità del secolo: non si tratta infatti “solo” di aprire un canale di ecommerce, ma di aprirlo su un “canale” dedicato di Amazon, il più grande negozio online del pianeta, che trasforma così i suoi 285 milioni di utenti in potenziali clienti della produzione made in Italy.

Amazon ha aperto ieri (online naturalmente) il negozio Made In Italy, evoluzione dedicata alla produzione italiana del servizio Markeplace, che dal 2011 permette anche di vendere i propri prodotti tramite Amazon. E il nuovo negozio italiano nasce non solo in virtù della notorietà del made in Italy, ma anche del crescente successo commerciale che le imprese artigianali hanno riscontrato sul megastore virtuale di Jeff Bezos: nell’ultimo anno il numero dei venditori italiani che hanno utilizzato Amazon Marketplace per vendere fuori dai confini nazionali è cresciuto del 90%, per un fatturato di 133 milioni di euro realizzato solo con le vendite all’estero.

Made in Italy è accessibile su Amazon.it e su Amazon.co.uk, e una selezione di prodotti sarà presto disponibile anche su Amazon.com: al momento offre già 5.000 prodotti – dai complementi d'arredo ai gioielli fatti a mano, dalle porcellane ai capi in pelle – realizzati da centinaia di artigiani. I clienti vi possono trovare le informazioni specifiche di ogni prodotto, tra cui le immagini, le descrizioni delle botteghe dove i prodotti sono stati realizzati e le tecniche utilizzate.

Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con il Comune di Firenze, ed è stato presentato ieri nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio alla presenza del country manager di Amazon Italia e Spagna Francois Nuyts e del sindaco della città Dario Nardella.

"Con il negozio Made in Italy” ha detto poi Giulio Lampugnani, manager di Amazon Marketplace Italia, “abbiamo voluto focalizzarci, in questa fase iniziale, sulle eccellenze artigianali fiorentine e italiane, piccole imprese che garantiscono una modalità di produzione tradizionale e non meccanizzata, in numeri limitati e usando materiali di alta qualità. Solitamente i loro prodotti possono essere acquistati solo nella regione d'origine da chi visita le aree in cui risiedono gli artigiani: ora i nostri clienti di tutto il mondo apprezzeranno questa nuova offerta”.

Commenta su Facebook

Altro su...

Aziende

Tecnologia