Apre lo Sportello Web Reputation: consulenza ai cittadini su come difendersi dai contenuti online lesivi della reputazione
A
È un servizio online al quale i cittadini si possono rivolgere per ricevere consulenze su come proteggersi da contenuti web lesivi della propria reputazione e tutelare la propria immagine online: si chiama Sportello Web Reputation, ed è un progetto sperimentale realizzato dai Co.re.com. (comitati regionali per le comunicazioni) di Abruzzo, Lazio e Marche in collaborazione con Reputation Manager e con il patrocinio gratuito dell’Agcom, l’autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

Lo Sportello nasce per informare i cittadini sull’uso doloso dello user generated content, cioè i contenuti (testi, foto, video) prodotti e caricati sul web dagli utenti. In particolare, il servizio ha l’obiettivo di fornire gli strumenti per proteggere i minori dai fenomeni di cyberbullismo e di avviare una campagna di sensibilizzazione promuovendo le buone pratiche per un uso responsabile di internet.

Allo Sportello i cittadini possono presentare, in modalità online, richieste di informazioni e chiarimenti: il team di esperti di Reputation Manager, società specializzata nella tutela della web reputation che ha all’attivo 500 casi gestiti tra aziende, istituzioni e personalità pubbliche, fornirà loro risposte qualificate suggerendo le azioni da intraprendere, con una valutazione specifica dei casi più significativi.

"Il progetto” spiega Andrea Barchiesi, CEO di Reputation Manager, “è il primo in Italia a consentire ai cittadini di accedere a un sistema online attraverso il quale possono controllare direttamente la propria identità digitale e segnalare all'autorità competente i contenuti lesivi a essa associati. Nostro obiettivo è anche quello di far crescere la cultura dell'identità digitale con iniziative che rendano le persone consapevoli della propria reputazione e immagine sul web e dei rischi connessi all'utilizzo improprio della rete”.

Gli Sportelli online sono accessibili dai siti web dei Co.re.com aderenti: quello del Lazio, quello delle Marche e quello dell’Abruzzo.

Commenta su Facebook

Altro su...

Web e digital