Il nuovo Osservatorio dei Congressi e degli Eventi entra nel vivo: ecco le domande ad alberghi e location per eventi
A
Sono già stati inviati 9mila questionari: 9mila email indirizzate ad alberghi, centri congressi, centri fieristici, dimore storiche, sedi istituzionali e location di tutti i tipi, cui Federcongressi&eventi chiede di indicare il numero di eventi ospitati nel 2014, la loro durata, la tipologia dei clienti, la provenienza dei partecipanti, il fatturato congressuale.

Lo scopo è monitorare di tutti i tipi di eventi che si organizzano in Italia – congressi di associazioni, convention, incentive, lanci di prodotto e meeting promossi da aziende, da partiti, sindacati ed enti di ogni genere – per redigere il nuovo Osservatorio Italiano dei Congressi e degli Eventi, lo studio statistico della meeting industry italiana che ne presenterà dimensioni, volumi e, in futuro, anche l’impatto sull’economia del paese.

Il progetto, lungamente atteso, è stato finalmente varato da Federcongressi&eventi, che ne ha affidato la realizzazione all’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali (ASERI) dell’Università Cattolica di Milano e specificatamente al gruppo di ricerca coordinato dal professor Roberto Nelli, già autore di ricerche sull’impatto economico dei congressi internazionali a Milano e di studi di benchmarking sui centri congressi internazionali.

La presentazione della prima edizione dell’Osservatorio è prevista per l’autunno: in questi mesi i ricercatori analizzeranno i dati forniti dalle strutture, e l’auspicio di Federcongressi&eventi è che la risposta sia massiccia e corale. Il successo dell’iniziativa, infatti, dipende interamente dalla collaborazione attiva di alberghi e sedi per eventi che, fornendo informazioni sulla propria attività (i dati saranno trattati in forma anonima con impegno alla riservatezza e saranno resi noti solo i dati aggregati) daranno all’Osservatorio il respiro necessario per poter comporre un quadro completo e veritiero del comparto.

La compilazione del questionario avviene online attraverso la piattaforma messa a disposizione dall’Università Cattolica di Milano. I gestori delle sedi ricevono per email un link che consente loro di collegarsi  al questionario, il quale può essere completato anche in momenti diversi. Le strutture che non hanno ricevuto la comunicazione dell’Università Cattolica di Milano possono richiedere il link al questionario inviando una mail all'indirizzo eventi@federcongressi.it.

A sintetizzare efficacente l’imporanza dell’Osservatorio è Lorenzo Giannuzzi, direttore del Forte Village Resort: “Era veramente tempo che un’iniziativa del genere prendesse forma. Si sente davvero il bisogno di “contarci” ed è apprezzabile anche la prospettiva di disporre, sia pure in un secondo tempo, di una misurazione delle ricadute economiche degli eventi sulle destinazioni. Sono dati imprescindibili, destinati a guidare le scelte di marketing dei prossimi anni. Con vivo piacere compilerò il questionario, sicuro di investire quei cinque-dieci minuti come meglio non potrei”.

Sotto, da scaricare, il fac-simile del questionario proposto.

Commenta su Facebook