In Italia previsioni occupazionali in miglioramento, soprattutto nell'alberghiero: ecco i paesi dove è più forte la domanda di lavoro
A
Per il prossimo trimestre (luglio-settembre) le previsioni di occupazione in Italia migliorano di 2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 4 punti rispetto allo scorso anno. Nonostante il dato previsionale complessivo, al netto degli aggiustamenti stagionali, si attesti a quota -4%, sembra che le aziende comincino a mostrare maggiore ottimisto riguardo al futuro.

I dati sono quelli dell’indagine trimestrale di ManPower che, condotta su 1.000 imprese italiane, ha rilevato come i datori di lavoro riferiscano prospettive di assunzione in crescita, rispetto al trimestre precedente, in 6 comparti industriali su 10. L’incremento occupazionale maggiore, nei prossimi 3 mesi, si verificherà nel settore alberghiero e della ristorazione, per il quale si stima un +3%.

Il trend di crescita si riferisce alle grandi (250 o più dipendenti) e medie (50-249 dipendenti) imprese, mentre quelle con meno di 50 dipendenti segnalano invece una previsione di flessione occupazionale. L’indice migliore si rileva nel nord-est del paese, dove i datori di lavoro prevedono un miglioramento di 3 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 10 punti rispetto allo scorso anno.

A livello internazionale l’indagine è stata condotta su 59mila aziende di 42 paesi ed emerge che i paesi dove l’incremento della domanda di lavoro sarà più forte nei prossimi 3 mesi sono Taiwan (+42%), India +(37%), Giappone (+23) e Stati Uniti, a pari merito con Hong Kong, a +16%. I primi 3 paesi europei sono Slovacchia (+12%), Finlandia (+11%) e Bulgaria (+10%), mentre gli unici due paesi, su 42, con il dato complessivo negativo sono Brasile (-3%) e Italia (-4%).

Commenta su Facebook