Congressi internazionali, i 10 paesi e città che ne hanno ospitati di più: classifica UIA vs classifica ICCA
A
Aumenta, di anno in anno, il numero di congressi associativi internazionali che si tengono nel mondo. Musica per le orecchie di destinazioni e centri congressi, soprattutto perché il trend si manterrà positivo per tutto il prossimo quinquennio: la previsione è di UIA, l’unione delle associazioni internazionali, che pubblica annualmente un report statistico con il numero di congressi svolti nel mondo e la classifica di città e paesi che ne hanno ospitati di più.

La diversità di fonti e criteri fra UIA e ICCA
Le classifiche stilate da UIA si affiancano – trattando lo stesso identico tema – a quelle più celebri prodotte da ICCA (International Congress & Convention Association), ma vi differiscono per le fonti e i criteri di “conteggio” dei congressi. UIA considera i congressi internazionali associativi con almeno 50 partecipanti ed esclude eventi aziendali, politici, sportivi, religiosi, così come tutti gli eventi a partecipazione esclusivamente nazionale, esattamente come ICCA. Il database su cui UIA elabora i dati è però significativamente più vasto di quello da cui sono tratte le classifiche ICCA: ICCA si basa sui dati forniti dalle destinazioni e dalle sedi congressuali proprie socie, mentre UIA indaga gli eventi “alla fonte”, partendo dai calendari delle associazioni committenti. Inoltre, UIA conteggia anche i congressi che non ruotano su almeno 3 destinazioni, come fa ICCA, e include gli eventi “una tantum” che non si ripropongono in successive edizioni. Si spiegano così, con la diversità di fonti, di portata e di criteri, le differenze nelle classifiche di destinazioni e città elaborate dalle due associazioni.

Il numero di congressi nel mondo
Lo sterminato database UIA, che a oggi comprende 428.369 congressi passati, presenti e futuri, indica che nell’anno 2014 si sono svolti nel mondo 12.212 congressi associativi internazionali – contro gli 11.135 del 2013 – ospitati in 1.493 città di 181 paesi, a fronte delle 1.465 città e 174 paesi del 2013. Il mercato quindi si amplia non solo in termini di numero degli eventi ma anche di destinazioni coinvolte nella loro organizzazione. Basandosi sui congressi già registrati nel proprio database, UIA afferma inoltre che nel 2015 il numero dei congressi salirà dell’11% e che l’incremento nel quinquennio a venire sarà del 35%.

La classifica delle città
Nella classifica UIA, la prima città per numero di congressi ospitati nel 2014 è Singapore, che con 850 eventi mantiene il primato per il quarto anno consecutivo pur perdendo un po’ di quota di mercato, che scende al 7,9% di tutti i congressi considerati. Secondo ICCA, invece, la prima città è Parigi, con 214 congressi associativi internazionali ospitati nel 2014. Al secondo posto UIA indica Bruxelles, con 787 congressi, e al terzo Vienna con 396. ICCA posiziona invece Vienna seconda con 202 congressi e Madrid terza con 200. UIA prosegue con il quarto posto a Parigi, seguita da Seoul, Tokyo, Madrid, Barcellona Bangkok e Ginevra. In comune nelle top ten delle due associazioni, pur se in posizioni diverse e con numeri diversi, ci sono 5 città: Singapore, Vienna, Parigi, Madrid e Barcellona, chiaramente città congressuali di primo piano sotto ogni prospettiva.

La classifica dei paesi
A livello di paesi, UIA dà il primo posto agli Stati Uniti, primato condiviso da ICCA pur se con numeri leggermente diversi: 858 congressi secondo UIA, 831 secondo ICCA. Il secondo e terzo posto di UIA vanno a Belgio e Singapore, mentre ICCA li attribuisce a Germania e Spagna. La top ten di UIA vede poi susseguirsi Corea, Giappone, Francia, Austria Spagna, Germania e Regno Unito. In questo caso i paesi comuni alle due classifiche nelle prime 10 posizioni sono 6: Usa, Giappone, Francia, Spagna, Germania e Regno Unito.

Ai vertici del ranking UIA non figurano né la destinazione Italia, che invece ha il sesto posto della classifica ICCA, né alcuna delle sue città, che peraltro non appaiono nemmeno nemmeno nella top ten di ICCA.

Il report completo di UIA sui congressi 2014 è al momento a disposizione solo degli associati: dal prossimo 1° settembre sarà acquistabile anche dai non soci.

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook