Le aziende lombarde incontrano 1.000 imprenditori stranieri presenti a Expo: così si costruisce l'eredità dell'evento
A
Si svolgeranno per tutti i 6 mesi di Expo i 10mila incontri B2B che, organizzati da Promos, l’azienda per le attività internazionali della Camera di Commercio di Milano, mettono in contatto gratuitamente le imprese lombarde con 1.000 imprenditori stranieri presenti in città per l’Esposizione Universale.

Gli appuntamenti si svolgono nelle province lombarde, sono dedicati di volta in volta a differenti settori produttivi quali, per esempio, l’agroalimentare, il design e la moda, e vedono la partecipazione di delegazioni di imprenditori provenienti sia dai mercati vicini come Austria, Francia, Germania, Turchia e Polonia sia dai mercati a lungo raggio come Cina, Giappone, Birmania e America Latina. Per partecipare è sufficiente compilare il form di iscrizione a questo sito.

L’iniziativa della Camera di Commercio nasce per contribuire a dare concretezza all'eredità di Expo che, secondo le stime, da qui al 2020 permetterà alle imprese di raggiungere una produzione aggiuntiva di 6,2 miliardi di euro.

Il dato previsionale arriva da uno studio sull’impatto economico diretto e la legacy di Expo promosso dalla Camera di Commercio e da Expo 2015 e realizzato dall’Università Bocconi: secondo il documento, grazie a Expo le imprese potranno avantaggiarsi, soprattutto sul fronte delle esportazioni, di maggiore fluidità degli scambi internazionali, incremento di visibilità del made in Italy e rafforzamento del brand Italia.

Commenta su Facebook

Altro su...

Aziende

Expo 2015