Italiani attenti alla privacy online: dalle associazioni il vademecum per le imprese su come rispettare le nuove regole sui cookie
A
Il 2 giugno scatta la "cookie law", l’obbligo per le imprese che hanno siti internet di chiedere agli utenti durante la navigazione il consenso all’utilizzo dei cookie, spiegando loro in maniera chiara le finalità per cui saranno impiegati.

I “biscotti del web”, che permettono agli utenti di navigare in maniera più veloce e funzionale, servono infatti alle aziende per tracciarne le attività sui propri siti internet e raccogliere informazioni per profilarli in modo da poter proporre loro inserzioni commerciali tailor made.

Il provvedimento, voluto dal Garante per la protezione dei dati personali, nasce dalla crescente esigenza degli utenti del web di salvaguardare la propria privacy online. Un’indagine condotta da Doxa ha messo infatti in evidenza che l'80% degli italiani è molto sensibile e attento al tema, benché poi il 33% non legga mai le note informative sulla privacy fornite dai siti stessi, spesso perché giudicate troppo lunghe e di difficile comprensione. Questa limitata attenzione, dice Doxa, è un’esplicita domanda di semplificazione: quasi 15 milioni di utenti si riterrebbero maggiormente tutelati da un’informativa più sintetica.

In particolare, i temi sui quali gli italiani vogliono mantenere il massimo riserbo quando devono fornire il proprio consenso all’utilizzo dei dati personali sono lo stato patrimoniale, la famiglia e la salute. Per contro, fra gli utenti è ormai consolidata la consapevolezza che "comunicare" ai siti aziendali dati socio-demografici e abitudini di consumo sia vantaggioso per ricevere proposte commerciali in linea con i propri interessi e bisogni, considerato un valore da un segmento consistente di consumatori.

Fino a oggi, però, l'esigenza degli utenti di proteggere la propria privacy online si è scontrata con la difficoltà nel gestire i cookie, le cui modalità di utilizzo, nonostante gli italiani siano al 70% informati del diritto di chiedere alle aziende la cancellazione dei propri dati, appaiono ancora troppo nebulose.

Da qui la richiesta del Garante Antonello Soro: “Chi naviga online deve poter decidere in maniera libera e consapevole se far usare o no le informazioni sui suoi comporamenti raccolte dai siti che visita per ricevere pubblicità mirata”.

Per aiutare le aziende ad attuare il provvedimento voluto da Soro, DMA Italia, Fedoweb, IAB Italia, Netcomm, UPA (le principali associazioni italiane del digitale) hanno realizzato Cookie, istruzioni per l’uso, il vademecum di implementazione della "cookie law".

Il documento indica gli obblighi in carico a titolari e gestori dei siti commerciali e fornisce indicazioni sulla stesura di una cookie policy sia in tema di cookie tecnici (necessari per esempio per il salvataggio delle preferenze e l’ottimizzazione del sito) sia per quelli non tecnici, quelli cioè utilizzati per la profilazione pubblicitaria e i social network.

Sotto, da scaricare, il documento Cookie, istruzioni per l’uso.

Commenta su Facebook