Bilancia turistica italiana in attivo di 12,5 miliardi di euro: in aumento la spesa degli stranieri, 5 le regioni “pigliatutto”
A
Nel 2014 i turisti internazionali hanno speso in Italia 34,2 miliardi di euro, mentre gli italiani hanno speso nel mondo, per turismo, 21,7 miliardi. I dati di consuntivo indicano quindi che la bilancia dei pagamenti turistica è in attivo di 12,5 miliardi, pur avendo registrato un calo dell’attivo dell’1,8% rispetto all’anno precedente a causa di un incremento della spesa in uscita (+6,9%) superiore all’incremento di quella in entrata (+3,6%).

I dati che Banca d’Italia ha raccolto con la tradizionale indagine campionaria alle frontiere, presentati ieri durante la conferenza L’Italia e il turismo internazionale organizzata a Venezia dal Ciset, indicano un incremento della spesa dei viaggiatori in tutte le aree italiane a eccezione del Nord-Est, dove si è invece registrata una lieve flessione.

La provincia italiana che ha registrato il maggior afflusso di entrate valutarie turistiche dall’estero è anche quest’anno quella di Roma, che con un +7,2% ripetto al 2014 ha toccato quota 5,9 miliardi. A Milano le entrate sono rimaste pressoché stabili (3,1 miliardi), mentre la provincia con l’incremento maggiore, del 14,6%, è quella di Napoli, dove la spesa internazionale ammonta a 1,1 miliardi di euro. La spesa è aumentata da parte di tutti i paesi emissori: in particolare si è registrato un significativo incremento da parte dell’Olanda (+15%) e del Regno Unito (+10,9%), anche se la Germania continua a mantenere il primato per valore assoluto della spesa internazionale con il 15% del valore totale.

Mara Manente del Ciset ha inoltre evidenziato che la maggior parte della ricchezza generata in Italia dal turismo si concentra nelle prime 5 regioni per afflusso – Lazio, Lombardia, Veneto, Toscana ed Emilia Romagna – che consolidano la loro quota concentrando il 67,3% della spesa dei turisti internazionali e il 63% del valore aggiunto turistico, che comprende gli effetti indiretti e indotti della spesa.

Il valore aggiunto complessivo dato dal turismo internazionale è stato nel 2014 pari a 36,4 miliardi di euro, con un incremento del 3,6%, superiore  a quello dell’export complessivo che si è attestato sul +2%, confermando così il ruolo di traino del comparto turistico per l’intera economia nazionale.

Commenta su Facebook